Carnevale a Taormina Foto di Antonio Faraci
Edizione 2017 del Carnevale di Taormina in uno scatto di Antonio Faraci

Bentornato Carnevale a Taormina. Si potrebbe dire così dopo l’esito certamente positivo delle giornate carnascialesche edizione 2017 nella Perla dello Ionio. Anche quest’anno, dopo l’ottimo debutto nel 2016, si è riconfermata l’impeccabile organizzazione a Trappitello del Carnevale con la sfilata dei carri che ha coinvolto anche i Comuni delle Valle dell’Alcantara portando diverse migliaia di persone (stando ad alcune stime oltre 10 mila) lungo la Via Francavilla in uno spettacolo di colori, balli e musica davvero degno di nota, sia nel primo appuntamento di martedì sia sabato scorso. L’evento a cura dell’Associazione Culturale TraOrmina Forum, presieduta da Stefano Sciacca, ha allietato tanta gente arrivata da diversi centri dell’hinterland per assistere al festoso appuntamento. Alla fine il successo, nella competizione dei carri, è andato pari merito al gruppo della Tribù degli indigeni e ai Pirati, ma tutti i gruppo che hanno sfilato sono parsi meritevoli di applausi.

Via Francavilla invasa di gente. «È stato un Carnevale che ci lascia grande soddisfazione – ha detto Sciacca -, ha reso felice la gente accorsa a vedere la manifestazione ma anche i commercianti, che hanno avuto modo di lavorare in queste serate e che, per altro, ci hanno fortemente sostenuto, in modo lodevole, e di queste iniziative cominciano ad apprezzarne le opportunità. Abbiamo visto la Via Francavilla invasa di persone e abbiamo vissuto un’atmosfera bellissima che ha coinvolto migliaia di persone dal pomeriggio sino a tarda sera, bambini e adulti, tante famiglie che hanno apprezzato la magia di questo Carnevale».

Si riaccende l’entusiasmo. E, dopo un anno di pausa, quest’anno è anche tornato il Carnevale a Taormina centro, dove i gruppi in maschera con i loro balli e con i carri, mettendoci apprezzabile impegno ed entusiasmo, hanno cercato di far rivivere l’atmosfera di quel Carnevale che in passato era una grande attrattiva di Taormina, nell’era in cui c’era il mitico gruppo Osram. «Grazie a tutti per la perfetta riuscita di questo Carnevale – ha detto uno degli organizzatori della sfilata a Taormina centro, Manfredi Faraci -. Certamente non è facile unire più teste nello stesso obiettivo, ma ho anche capito che c’è grande voglia di rivalsa, di cambiamento, di essere davvero un unico corpo per sopperire alle difficoltà che oggi vive la nostra città. Adesso si potrebbe pensare a un Carnevale estivo fatto in modalità diverse, sperando di avere la stessa voglia ma anche più risorse economiche che il Comune si è già impegnato a rimborsare».

L’ipotesi di un Carnevale estivo. Il Carnevale in città quest’anno ha avuto il supporto del Comune con un impegno di spesa di 35 mila euro. Ora, in chiave futura, l’auspicio è che si riesca ad andare oltre qualsiasi velo di sterile campanilismo o antagonismo, lavorando ad una ulteriore crescita di una manifestazione che ha dimostrato di avere ancora tanto da dire e da dare in questa città e può crescere ancora se si riuscirà a trovare un equilibrio, una sintesi e una sinergia fra la tradizione di Taormina centro e la realtà emergente di Trappitello, due realtà che appartengono entrambe alla stessa città e che intanto, ciascuna con le proprie peculiarità, meritano i complimenti da destinare complessivamente a tutti coloro che hanno organizzato e sfilato. Gente che ha dimostrato come il Carnevale, se preparato bene, può rappresentare un’attrattiva forte.

© Riproduzione Riservata

Commenti