Taormina. Proseguono i lavori per la realizzazione dell'elipista per il G7 difronte alla piscina comunale
Taormina. I lavori per la realizzazione dell'elipista per il G7 difronte alla piscina comunale

Torna all’attacco del Comune il Cvsm, l’ente gestore della piscina comunale nei cui terreni sono iniziati i lavori per la realizzazione di un’elipista in vista del G7. E le nuove frecciate all’indirizzo della casa municipale arrivano a pochi giorni dallo sfratto preannunciato proprio dall’Amministrazione nei confronti del Cvsm. «Il Comune continua a parlare di sfratto, noi rispondiamo una sola cosa: il 9 marzo siamo tranquillamente aperti», ha affermato il presidente del Corpo Volontario di Soccorso in Mare, Giuseppe Sperlinga. «Giovedì saremo regolarmente a disposizione dell’utenza, abbiamo un contratto e andiamo avanti», evidenziano i vertici del Cvsm.

Ente gestore come Ghost. «D’altronde, il Comune – continua Sperlinga – non ha tenuto in considerazione questo ente gestore in alcun modo nemmeno nelle valutazioni sulla elipista per il G7. Per il Comune noi non esistiamo, siamo Ghost. Eppure non occorre molta fantasia per immaginare elicotteri che atterranno e decollano ogni 5 minuti accanto ad un impianto natatorio, come del resto in prossimità di abitazioni ed alberghi. Nessuno ci ha comunicato se fosse il caso di individuare qui un’opera che riguarda elicotteri da 15 tonnellate, di 25 metri, con doppia elica, che trasportano 30 persone. Noi sconosciamo totalmente tutto quello che sta accadendo attorno alla piscina comunale, siamo all’oscuro di tutto e possiamo soltanto assistere da spettatori ai lavori appena iniziato. Ci è stato detto che verranno fatte delle opere di consolidamento del fabbricato, quindi del tetto o delle vetrate, ma non abbiamo elementi specifici su questi interventi».

Le prime grandi manovre. Intanto i lavori per l’elipista, iniziati lunedì scorso, a cura del Genio Militare, stanno interessando in questi momento il consolidamento del muro sul lato est dei terreni dove sorgerà l’elipista. Si sta effettuando così un’opera di rafforzamento della superficie e contestualmente anche la ripulitura dell’area stessa, per predisporla alla realizzazione della struttura che consentirà l’atterraggio ed il decollo degli elicotteri.

© Riproduzione Riservata

Commenti