Enzo Scibilia, ex assessore ai lavori pubblici
Enzo Scibilia, ex assessore ai lavori pubblici

L’ex assessore Enzo Scibilia interviene sulla discussione in atto che riguarda il futuro del Capalc, l’ex scuola convitto albergo di contrada S.Antonio in abbandono da ormai da 30 anni. L’Amministrazione intende affidarlo all’Istituto “Pugliatti” per farne una Scuola internazionale di cucina e Scibilia si dichiara concorde con questa soluzione ma invita proprio l’Esecutivo a tradurre l’impegno verbale in atti formali. «Abbiamo visto, letto e ascoltato nelle scorse settimane l’impegno del sindaco affinché il Capalc venga finalmente riqualificato dalle condizioni vergognose in cui si trova da tantissimi anni – afferma Scibilia – ma adesso bisogna andare oltre quella promessa fatta al dirigente dell’Istituto “Pugliatti”. L’idea di far allestire lì una Scuola internazionale di cucina è una buonissima idea e mi trova pienamente d’accordo. Ma ciò a patto che la promessa verbale venga tradotta in atti formali. L’Amministrazione non deve fermarsi agli annunci, se la volontà è davvero quello di far nascere una Scuola internazionale di cucina, allora occorrono atti concreti in grado di confermare e suffragare questa volontà da parte dei vertici del Comune».

Input per la commissione. «Si è detto, se non erro – aggiunge Scibilia -, che verrà costituita un’apposita commissione di valutazione del progetto da approntare, tra il Consiglio comunale, la Giunta ed il “Pugliatti”, con i rispettivi rappresentanti. Mi auguro che questa commissione venga costituita e resa operativa in tempi brevissimi. C’è bisogno di una svolta per quell’immobile che può rappresentare un importante punto di riferimento per la città di Taormina e per la formazione dei nostri giovani e delle professionalità del futuro».

© Riproduzione Riservata

Commenti