Eligio Giardina, sindaco di Taormina
Eligio Giardina, sindaco di Taormina

«I cantieri sono ormai prossimi al via, chiedo ai miei concittadini pazienza e spirito di sacrificio in vista del G7. È un evento straordinario che potrà determinare qualche disagio nell’immediato, già a partire dai prossimi giorni, e poi a fine maggio, ma avrà i suoi riflessi straordinariamente positivi in prospettiva». L’appello è del sindaco Eligio Giardina che chiede ai taorminesi di «accogliere al meglio gli ospiti ed addetti ai lavori dell’evento». «È una complessa macchina organizzativa quella che si sta predisponendo, con tanti aspetti e molti dei quali doverosamente riservati, ma è una sfida che ci vede protagonisti e nella quale tutti dobbiamo impegnarci affinché l’esito sia positivo. Non ho dubbi che Taormina saprà incantare e affascinare il mondo».

L’accoglienza per il G7. «Siamo consapevoli dei disagi che inevitabilmente si determineranno da qui a breve – afferma Giardina – ma nelle prossime settimane saremo al centro del mondo, con un eccezionale ritorno in termini di immagine per il nostro territorio. Ci sono stati dei ritardi per i lavori ma il nostro input è stato raccolto ed è in atto un’accelerazione concreta dei vari iter, che sarà tangibile a brevissimo con i cantieri. Ma ora non è il momento delle polemiche o delle divisioni. Lancio un appello ai miei concittadini, a tutti e nessuno escluso, e chiedo di mostrare al mondo intero quel grande senso di ospitalità e di accoglienza che è nel dna dei taorminesi e che ha reso Taormina protagonista e famosa nel mondo».

© Riproduzione Riservata

Commenti