Castelmola Aula Consiliare maggioranza

Mentre il duello politico tra Orlando Russo e Sergio Mastroeni si fa sempre più incandescente, i consiglieri comunali di maggioranza Lisa Intelisano, Rosario Sterrantino, Giuseppa Raneri, Fabio D’Allura, Giorgio Valentino, Bartolomeo Alibrandi intervengono con una nota per fare il punto sulla controversa situazione dell’attesa elezione del nuovo presidente del Consiglio e, dunque, proprio sul caso della votazione per l’elezione di Lisa Intelisano vanno all’attacco dell’opposizione. «La maggioranza c’è – scrivono i consiglieri -. Sottostà ai giochetti e all’abbandono di Mastroeni e Cundari, ma c’è. Su 8 consiglieri di maggioranza previsti dalla legge ed incaricati dalle passate elezioni sono presenti i consiglieri Lisa Intelisano, Rosario Sterrantino, Giuseppa Raneri, Fabio D’Allura, Giorgio Valentino, Bartolomeo Alibrandi. Sono risultati vuoti per abbandono le sedie del consigliere Mastroeni e Cundari (facendo venir meno il numero legale e quindi impedendo il continuare dei lavori d’aula) che, a tre mesi dalle elezioni, dopo aver ricevuto la fiducia ed essere stati eletti con la lista del sindaco Orlando Russo, qualche mese prima, hanno abbandonato la maggioranza che fino a qualche giorno fa sostenevano. Hanno impedito, forti di una incontrastabile e poco onorevole sottrazione numerica, che la risposta alle inesattezze da loro espresse in pregiudiziale venisse data, sottraendosi ad un paritario confronto, limitando il diritto di consegnare all’aula un pensiero diverso, tappando la bocca con un’azione poco rispettosa nei confronti delle istituzioni che rappresentiamo e per le quali siamo stati eletti, adottando un atteggiamento, sfoggiando un pessimo esempio di impiego della loro anziana esperienza».

Attacco frontale ai dissidenti. «Perché si scappa via? Si teme il confronto – affermano i consiglieri -. Di cosa si ha paura? Di non avere argomenti che riguardano l’interesse collettivo! Questi esempi di insana politica appaiono alquanto strumentali e populisti e nulla hanno a che fare con l’alto senso del dovere di chi fa politica e viene eletto per servire un paese; voi disertate l’aula e peggio ancora state nascosti dietro una porta a sbirciare quello che potevate sentire se sareste rimasti nel posto dove siete stati eletti e per il quale gli elettori vi avevano incaricato. Questi atteggiamenti non valgono nulla rispetto agli esempi di sano confronto che civilmente e democraticamente ci possono stare, e che in passato ci sono stati».

Difesa ad oltranza sull’operato della maggioranza. «È inutile costruirsi ragioni o alibi – continuano i consiglieri – a giustificazione di un coraggio che non mostrate, e noi vogliamo ancora credere che sia solo un momento di smarrimento che nel corso della vita a tutti può capitare. Questa Amministrazione ha dimostrato ponderatezza nelle scelte procedurali praticando le formule più trasparenti, garantiste e rispettose delle normative, rimettendo all’aula, alla luce del sole e davanti a tutti, la discussione per le determinazioni nell’interesse del paese, ma i vostri atteggiamenti sono stati di chiusura ed abbandono. Prendete atto che questa maggioranza, seppur relativa rispetto agli otto, esiste. Giorno 3 gennaio 2017 in aula, seduti nei banchi dove sono stati eletti e fedeli al mandato consegnato dalla vittoria delle elezioni del 2012 con Castelmola Città Futura, erano presenti: Lisa Intelisano, Rosario Sterrantino, Giuseppa Raneri, Fabio D’Allura, Giorgio Valentino, Bartolomeo Alibrandi. Giorno 3 gennaio 2017 si sono sottratti al confronto istituzionale, abbandonando solo qualche mese prima delle elezioni i banchi dello schieramento dove sono stati eletti e cioè quelli di Castelmola Città Futura, i consiglieri Sergio Mastroeni ed Eugenio Cundari».

Ostruzionismo in aula. «Riteniamo che ci sia in corso un tentativo di creare caos, bloccare i lavori del Consiglio con le inevitabili ripercussioni sui cittadini e sull’Ente. Siamo certi che come avete già dimostrato da ora e fino ai prossimi 4 mesi sarete presenti ad ogni funerale, a tutte le processioni, alle manifestazioni (solo se fatte da potenziali elettori) e nelle discussioni da bar sfornerete tutte quelle soluzioni per la città che non siete stati capaci di fare da amministratori in carica. Confermiamo e rinnoviamo la nostra adesione al Gruppo Castelmola Città Futura che, alle prossime elezioni, sosterrà Orlando Russo sindaco».

© Riproduzione Riservata

Commenti