Sergio Mastroeni
Sergio Mastroeni

Sergio Mastroeni, consigliere di opposizione e probabile sfidante del sindaco Orlando Russo, si conferma fortemente critico nei confronti proprio del primo cittadino e della maggioranza. In una nota, Mastroeni torna sulla questione della mancata elezione del presidente del Consiglio e rincara la dose delle sue accuse. «L’Amministrazione Comunale – spiega Mastroeni – non è riuscita ad eleggere il Presidente del Consiglio Comunale, dovendo arrendersi all’evidenza della mancanza dei numeri necessari nel corso dell’ultima seduta del Civico Consesso di ieri sera 4 febbraio. Solo sei consiglieri presenti in aula per la maggioranza, non hanno raggiunto il quorum necessario di sette consiglieri, che pur il Sindaco aveva pomposamente anticipato di possedere nel corso di una Conferenza stampa indetta qualche giorno fa, asserendo con toni trionfalistici che il Presidente sarebbe stato eletto in prima votazione. In apertura di seduta, ho reiterato anche in sede consiliare la contestazione di nullità della convocazione, poiché firmata dalla vice presidente che si è – invece – dimessa nel corso della seduta consiliare del 14 gennaio. Ho accusato l’Amministrazione di agire in usurpazione di funzioni, proprio per la inesistenza della carica di Vice Presidente in capo alla dott.ssa Lisa Intelisano ed ho anche dichiarato che continuerò a non arretrare, tenendo ben accesi i riflettori sull’attività dell’amministrazione, al fine di controllarne l’operato stante la gravità dei comportamenti posti in essere».

Bordate all’indirizzo del primo cittadino. «Di basso profilo poi il contegno del Sindaco che ha espressamente dichiarato di proporre denuncia contro di me, stante che ho esercitato esattamente le mie funzioni di consigliere. Il Sindaco piuttosto che argomentare qualcosa di significativo, si è limitato a sostenere che il verbale consiliare delle dimissioni della dott.ssa Intelisano fosse erroneo . Sull’erroneità blaterata del verbale trovo che sia gravissimo sostenerla infondatamente ed è altresì grave che lo stesso verbale (quello del 14 gennaio) debba essere annullato, perché mancava il quorum, e ciò nonostante era stata proclamata in quella sede l’elezione della Presidente, ed ora apprendiamo che dopo il pasticcio sul quorum, ci sarebbe un pasticcio sulle dichiarazioni della Presidente erroneamente proclamata. E’ accaduto pacificamente che dopo la proclamazione con quattro voti, la dott.ssa Intelisano ha dichiarato di dimettersi da Vice Presidente , come del resto si legge a chiare lettere dal verbale consiliare , e non poteva fare altrimenti, venendo poi la deliberazione dichiarata immediatamente esecutiva. Allego il verbale della seduta del 14 gennaio dove la dott.ssa Intelisano dichiara di dimettersi da Vice Presidente».

© Riproduzione Riservata

Commenti