Fabbio Cannavaro
Fabbio Cannavaro

Gli occhi degli sportivi siciliani su Fabio Cannavaro ed il Tianjin Quanjian. Si trova, infatti, in ritiro a Torre del Grifo, il club cinese allenato da Cannavaro, che ha scelto il centro sportivo sito a Mascalucia per preparare i suoi giocatori alla ripresa della stagione agonistica. Proprio nelle scorse ore l’ex difensore della Nazionale Italiana si è anche concesso una passeggiata a Taormina, in Corso Umberto, tra gli sguardi incuriositi degli appassionati di calcio che hanno improvvisamente notato la presenza del Campione del Mondo 2006.

Gli appuntamenti del Tianjin Quanjian. Il club neopromosso nella Super League cinese, sta svolgendo la preparazione ai piedi dell’Etna e resterà a Torre del Grifo fino al 23 febbraio. E’ già fissata per i ragazzi di Cannavaro un’amichevole con il Pisa di Rino Gattuso, compagno di Nazionale di Cannavaro nel Mondiale 2006. La gara è in programma mercoledì 8 febbraio all’Arena Garibaldi, con inizio alle 17 e incasso che verrà devoluto in beneficenza alle vittime del sisma nel Centro Italia.Ma non si esclude anche qualche test con Catania e Palermo prima della ripartenza verso la Cina.

Mercato ancora aperto. La squadra cinese del tecnico campione del mondo proseguirà, quindi, ancora per tre settimane la sua preparazione a Torre del Grifo, mentre il tecnico e manager del club cercherà qualche altro acquisto clamoroso come quelli del centrocampista belga Axel Witsel e dell’ex attaccante milanista Alexandre Pato, rispettivamente acquistati di recente dallo Zenit San Pietroburgo (e strappato alla concorrenza della Juventus) e dal Villareal. Il mercato per il calcio d’Oriente è ancora aperto e, forte di una disponibilità finanziaria “mostruosa”, Cannavaro vuole un altro calciatore straniero nel suo team. Dopo aver trattato a lungo il croato Kalinic della Fiorentina, quasi preso per 40 milioni, il campione partenopeo potrebbe adesso imbastire qualche altra trattativa a sorpresa, continuando l’incredibile campagna acquisti condotta sinora a suon di ingaggi stratosferici.

© Riproduzione Riservata

Commenti