Taormina, Via Fazello
Taormina, Via Fazello

Resta nel limbo il destino di Via Fazello, la centralissima arteria che scorre a monte di Corso Umberto. Sulla questione aveva sollevato la necessità di chiarezza il consigliere del Pd, Graziella Longo, e si era poi registrato l’impegno del sindaco Eligio Giardina ad una rapida definizione della vicenda. Ma di fatto la situazione di Via Fazello non è cambiata ed è rimasta quella di assoluta incertezza e precarietà in atto da ormai diversi anni. La strada venne chiusa nel 2013 per i lavori di Palazzo Ciampoli, opere eseguite e concluse ormai da tempo immemore. L’edificio storico è stato riqualificato e riaperto ormai dallo scorso 29 dicembre 2015 ma a distanza di un anno e due mesi, ancora non si comprende cosa si intende fare della Via Fazello. Dovrebbe essere chiusa al transito veicolare in via definitiva, ad eccezione, ovviamente, dei residenti che abitano lì: ma paradossalmente proprio i residenti ad oggi vivono una condizione di disagio e si trovano “ospiti in casa propria”. Da quelle parti sono rimasti due paletti, allora posizionati per bloccare il passaggio veicolare quando c’erano i lavori di Palazzo Ciampoli (e per altro i motorini passano comunque), e si posizionano spesso in sosta auto di gente che ostruisce il passaggio ai residenti. Il manto stradale è in condizioni disastrose, non c’è nemmeno una segnaletica che indichi con chiarezza la situazione di Via Fazello e spesso ignari passanti si imbucano nell’arteria per rimanervi bloccati.

La richiesta di chiarezza. «La via Fazello – ha detto il consigliere Longo in Consiglio comunale – da due anni è stata chiusa al traffico veicolare al fine di consentire lo svolgimento dei lavori di ristrutturazione di Palazzo Ciampoli. Questi ultimi, di fatto, sono stati ultimati da parecchio tempo ma, nonostante ciò, la via Fazello è rimasta interdetta al traffico veicolare. Tale strada versa in condizioni di assoluto degrado, in quanto ingombra di cumuli di terra di risulta, materiali di ogni genere e rifiuti vari. Ancora, probabilmente, a seguito dei citati lavori, il manto stradale è in vari punti disconnesso e presenta una serie di buche pericolose per la stessa incolumità dei pedoni, ed una delle quali addirittura al momento è pure coperta da una grande lastra metallica. Pertanto, si chiede di sapere all’Amministrazione comunale se intende mantenere l’attuale stato di singolare utilizzo veicolare della via Fazello. Ed inoltre si chiede di sapere, qualora verrà ripristinata l’originaria percorribilità, se sia intendimento dell’Amministrazione limitarne l’accesso ai soli aventi diritto». Sull’interrogazione ha dichiarato poi in Consiglio comunale il sindaco Eligio Giardina che il proprio intendimento è quello di effettuare “una chiusura definitiva al traffico della via Fazello”. L’accesso verrebbe, a quel punto, consentito ai soli residenti possessori di posto auto in zona. Ma a partire da quando si concretizzerà tutto ciò?

© Riproduzione Riservata

Commenti