Italo Mennella, Presidente Associazione Albergatori di Taormina
Italo Mennella, Presidente Associazione Albergatori Taormina

«I soldi della tassa di soggiorno andranno spesi per il turismo. Non vi è dubbio che debba essere così a maggior ragione in vista dei prossimi mesi ed è il percorso ineludibile che ci auguriamo si riesca a portare avanti con le somme introitate per il 2016 dal Comune». Lo ha dichiarato il presidente dell’Associazione Albergatori di Taormina, Italo Mennella sui proventi dell’imposta di soggiorno che nell’anno appena trascorso ha portato nelle casse di Palazzo dei Giurati oltre 2 milioni di euro, ai quali si aggiungono (sin qui in linea teorica) i 637 mila euro che non sono stati versati da alcune strutture ricettive e che il Comune proverà a recuperare anche attivando le vie legali.

L’indirizzo della Corte dei Conti. «Abbiamo sempre detto, sin dal primo momento, e lo ribadiamo ulteriormente adesso che l’introito è ancora più considerevole, che i soldi dell’imposta di soggiorno bisognerà spenderli per il turismo. Lo ha chiesto ed esplicitato con estrema chiarezza, d’altronde, la Corte dei Conti ed è questo l’indirizzo di spesa a cui ci si dovrà attenere. Mai come stavolta ritengo che si dovrà evitare un utilizzo improprio e che, anzi, bisognerà concertare le scelte e fare delle valutazioni programmatiche da condividere nell’interesse collettivo della città. Sulle priorità da sostenere, oltre alla promozione turistica, mi vengono in mentre la cura dell’arredo urbano, la vivibilità ed il decoro».

Faccia a faccia sulle scelte. «Nei prossimi giorni incontrerò l’assessore al Turismo, Salvo Cilona ed affronteremo insieme la questione – aggiunge Mennella -. La cospicua cifra incassata dal Comune, se verrà spesa in modo idoneo, può dare tante cose significative e di rilievo al nostro territorio e può fare la differenza. Occorre investire col turismo, attraverse scelte oculate. Bisogna capitalizzare al massimo quelle risorse per il rilancio ed il potenziamento del prodotto Taormina in ambito nazionale ed internazionale».

© Riproduzione Riservata

Commenti