Il presidente dell'Associazione B&B e Case d'Epoca di Taormina Gianni Ficarra e il sindaco Eligio Giardina
Il presidente dell'Associazione B&B e Case d'Epoca di Taormina Gianni Ficarra e il sindaco Eligio Giardina

Faccia a faccia a Palazzo dei Giurati nelle scorse ore tra il sindaco Eligio Giardina ed il presidente dell’Associazione B&B e Case d’Epoca città di Taormina, Gianni Ficarra. Nel corso della riunione si è ipotizzata la costituzione di una delegazione istituzionale che potrebbe rappresentare la città nelle fasi finali di preparazione del G7 e nell’accoglienza poi delle personalità attese in città a fine maggio. Si ipotizza, in tal senso, un gruppo del quale, oltre al sindaco, farebbero parte gli assessori, il presidente del Consiglio comunale, Antonio D’Aveni, il presidente dell’Associazione Albergatori, Italo Mennella, il presidente dell’Associazione Imprenditori per Taormina, Franco Parisi, e lo stesso Ficarra, in rappresentanza dell’Associazione B&B e Case d’Epoca città di Taormina.

La nuova realtà associativa. «Nell’incontro con il sindaco – ha dichiarato Ficarra – si è parlato dei problemi del G7 ma anche dell’incontro che abbiamo avuto con i maggiori tour operator internazionali a Londra. Stiamo preparando un’offerta per il turismo invernale luxury, che va da adesso al 15 giugno e che riprenderà poi ad inizio ottobre. Si tratta di un piccolo incentivo al movimento invernale. Siamo una realtà che attraverso questa associazione intende fare squadra e rappresentiamo circa 700 posti letto. Prima ciascuno faceva per sé, adesso c’è una interlocuzione di sistema, associativa quindi, con i tour operator e le prospettive sono diverse. I B&B si stanno muovendo in maniera unitaria, nella consapevolezza comunque che i tour operator vogliono servizi e certezze che il paese attualmente non riesce a dare e che su questi aspetti bisogna impegnarsi tutti per migliorare la situazione».

Una delegazione taorminese per il G7. Si è poi discusso, come detto, della possibile istituzione di una delegazione di rappresentanti istituzionali della Città di Taormina in vista del G7: «Si tratta di far sentire la presenza della nostra città in modo più diretto e tangibile – ha aggiunto il presidente dell’Associazione B&B -, anche per gestire in modo migliore l’accoglienza. Taormina deve ricoprire un ruolo attivo, di rappresentanza, nel rispetto del nostro ruolo ma dando però l’idea ed il segnale, tutti quanti, che noi siamo presenti. Questo gruppo andrebbe reso operativo sin da adesso, interloquendo con il governo attraverso le sue più alte rappresentanze della città. Bisogna mettersi a disposizione degli ospiti ed essere dei buoni padroni di casa. Si tratta, insomma, di predisporre un Comitato per le accoglienze, pensando anche ad aspetti strategici come il poter mettere a disposizione, ad esempio, delle guide turistiche o delle hostess».

© Riproduzione Riservata

Commenti