Taormina, Capalc
Taormina, Capalc

Sopralluogo operativo in agenda nella giornata odierna presso i locali del Capalc, l’ex Scuola Convitto Albergo di contrada S.Antonio, dove si recheranno il vicesindaco Mario D’Agostino ed il dirigente dell’Istituto Pugliatti di Trappitello, il prof. Luigi Napoli, per verificare l’attuale situazione dell’immobile comunale da anni in stato di abbandono, sul quale il Comune si è orientato ad affidarne la gestione proprio all’IISS per la nascita di una Scuola internazionale di Alta Cucina. L’Istituto Istruzione Secondaria Superiore “Pugliatti”, già a suo tempo, qualche anno fa, su iniziativa del preside Napoli, aveva predisposto un progetto nel quale si prospettava la possibile realizzazione di questa iniziativa. Lo stesso progetto pare destinato ora a tornare d’attualità, in virtù dell’impegno pubblico preso da Giardina con il prof. Napoli in occasione del recente Premio Città di Taormina.

Tramonta l’intenzione di vendita. Sono, insomma, cambiati in corsi i piani per il Capalc che a dicembre era stato inserito, con relativa valutazione di 22 milioni di euro, nel Piano di alienazione degli immobili comunali. Ancora adesso, in linea teorica, o comunque sul piano anche formale, l’ex convitto albergo rientrerebbe in quel piano ma in buona sostanza appare destinato ad uscirvi nella versione aggiornata 2017 che verrà predisposta prossimamente dagli uffici comunali. D’Agostino e Napoli visiteranno l’immobile per valutare le esatte criticità e le difficoltà da affrontare e quindi anche per prevedere poi una stima aggiornata di quanto occorrerà alla sistemazione dei locali. Il progetto previsto a suo tempo dal “Pugliatti” andrà aggiornata a quelle che sono le condizioni odierne del Capalc.

I piani del “Pugliatti”. «Bisogna capire in quali condizioni si trovano gli spazi per le aule e anche la cucina», ha evidenziato Napoli. Il Capalc venne realizzato negli Anni Ottanta con finalità (poi rimasta incompiuta) di scuola e con quella destinazione venne erogato l’apposito finanziamento della Cassa del Mezzogiorno che servì a costruire il complesso.«La scuola di cucina internazionale che vogliamo realizzare può portare ulteriore lustro alla Città di Taormina nel mondo», ha ribadito il dirigente scolastico del “Pugliatti”. Intanto il sindaco Eligio Giardina si appresta a costituire un gruppo di lavoro formato da rappresentanti dell’Esecutivo stesso, e del Consiglio comunale e del “Pugliatti” per mettere a punto il progetto definitivo che dovrebbe servire alla rifunzionalizzazione del Capalc. Il primo componente individuato per far parte della Commissione comunale di valutazione è il consigliere comunale Piero Benigni (che di professione opera nel settore (ed in questi anni presidente regionale di Ada-l’Associazione dei Direttori d’Albergo), individuato come rappresentante delle opposizioni. «Il percorso intrapreso – ha detto Giardina – ha le premesse giuste per rappresentare la soluzione in grado di risvegliare quello che ho definito il “mostro dormiente”, che deve tornare a vivere nell’interesse della città».

© Riproduzione Riservata

Commenti