Pina Raneri, assessore alla Pubblica Istruzione
Pina Raneri, assessore alla Pubblica Istruzione

«Nei miei confronti si è verificato in queste settimane un linciaggio politico e mediatico ma i bambini sono sempre stato una priorità assoluta e il problema della caldaia non funzionante all’asilo è stato risolto così come ci siamo mossi per sistemare tante altre problematiche». Lo ha dichiarato l’assessore alla Pubblica Istruzione, che dopo gli attacchi avuti di recente sui problemi delle scuole ed in particolare sul mancato riscaldamento dell’asilo comunale, interviene e si difende dalle accuse. A contestarla è stato, a più riprese, soprattutto il consigliere Carmelo Leonardi, che ne ha anche chiesto le dimissioni. «È stato detto di tutto e di più sul mio operato – spiega l’assessore Raneri – ma in un ruolo delicato come quello che rivesto, la cosa che conta di più sono i fatti, l’impegno quotidiano per la comunità, non le polemiche di chi forse non conosce davvero i problemi di un settore complesso come la scuola e le difficoltà che spesso si verificano nell’affrontarli. Ho assistito in silenzio a una lunga serie di polemiche strumentali ed attacchi alla mia persona mentre ero presente nei vari plessi per cercare di risolvere i problemi».

Il caso caldaia. «La ditta che abbiamo incaricato ha provveduto al montaggio della caldaia all’asilo tra venerdì e sabato scorso, lavorando anche di notte e adesso è tutto apposto, l’impianto è stato installato ed è funzionale. I bambini non dovranno più patire il freddo. Voglio anche aggiungere che la stessa ditta ha anche donato al Comune un termostato speciale per una migliore regolamentazione dell’impianto. La caldaia per l’asilo è arrivata da Bergamo. Purtroppo si sono verificati dei ritardi procedurali ma sono state dette tante inesattezze su questa vicenda».

Sopralluogo alla “Foscolo”. «Vado ogni giorno nelle scuole – continua l’assessore – e anche sulla questione del gasolio mi sono attivata già 10 giorni per farlo arrivare: si tratta di gasolio da avere intanto a disposizione come riserva qualora dovessero esserci delle emergenze. Il gasolio nelle scuole non è mai mancato. Abbiamo provveduto, in tal senso, a fare il pieno e rifornire sia la Materna di Via dietro Cappuccini che le scuole di Trappitello. Alla scuola media “Ugo Foscolo” ho inoltre effettuato un sopralluogo, aula per aula, ed era tutto funzionale per quanto riguarda il riscaldamento. Nelle classi i riscaldamenti funzionano, ho constatato che c’era caldo ed ho accertato personalmente che in alcuni casi si è persino reso necessario aprire le finestre, vista la temperatura ottimale delle aule. Ad ogni modo, su mia richiesta il sindaco ha messo a disposizione adesso 20 mila euro dal bilancio per manutenzioni all’edilizia scolastica. I primi interventi riguarderanno proprio la scuola media “Foscolo”, servizi igienici, porte e tapparelle. Le medesime somme potranno essere impiegate, in caso di necessità, anche in altri plessi».

© Riproduzione Riservata

Commenti