Carla Santoro, dirigente Istituto Comprensivo 1 Taormina
Carla Santoro, dirigente Istituto Comprensivo 1 Taormina

«La lettera del Comune alle Suore? Ci auguriamo che il sindaco abbia fatto una proposta valida e a condizioni che siano accettabili dalla proprietà dell’immobile». Lo ha dichiarato la dirigente dell’Istituto Comprensivo 1, Carla Santoro, che così si è soffermata sulla comunicazione fatta nelle scorse ore dal sindaco di Taormina, Eligio Giardina, ai vertici delle Suore Francescane Missionarie di Maria per il tentativo di ottenere la gestione della struttura posta in vendita dall’Istituto religioso che si appresta a lasciare la città. La richiesta fatta dal Comune è quella di un comodato d’uso per 6 mesi e la prospettiva sarebbe quella di trasferire, in caso di risposta positiva, proprio nel complesso delle Suore le scuole di Taormina centro. Il plesso di via Cappuccini della scuola media “Ugo Foscolo”, sede anche delle elementari, dovrà essere sottoposto infatti come si sa ad interventi di messa a norma ed adeguamento sismico. E nel corso di quei lavori, sui quali bisognerà stabilire quando potranno partire, non sarà possibile far coincidere il cantiere stesso con le attività scolastica. «Abbiamo appreso a mezzo stampa che il Comune ha scritto e inviato la lettera alle Suore – spiega la dirigente Santoro – e ci auguriamo che la proposta dell’Amministrazione abbia previsto condizioni tali da poter essere accettate dalle Suore. Per quanto ci riguarda, invece, non abbiamo avuto più nessuna comunicazione dal Comune sui lavori della Scuola media e non sappiamo se potranno iniziare subito o se in primavera».

La mensa si sblocca. Poi la Santoro ha fatto il punto sui vari problemi delle scuole registratisi in questi giorni al rientro dalle vacanze natalizie: «Il servizio di assistenza igienico personale agli studenti che necessitano di tale supporto è intanto ripartito, al momento in termini di volontariato e con l’assicurazione della scuola, nell’attesa che venga affidato dal Comune il servizio tramite la relativa gara. Sull’atteso avvio della mensa scolastica mi dicono che potrebbe ripartire il 23 gennaio ma anche in questo caso non ho conferme ufficiali in tal senso. Il problema, invece, dei riscaldamento è anche da ricondurre al fatto che nel caso della “Foscolo” parliamo di una scuola datata che necessiterebbe di manutenzioni straordinarie. Non si possono più fare soltanto una serie di lavori ordinari: ci sono diversi radiatori che non funzionano e c’è il problema di rendere tutti gli ambienti riscaldati. Alcune classi hanno patito il problema e, da parte nostra stiamo facendo tutto il possibile e ovviamente auspichiamo il pieno supporto da parte del Comune».

© Riproduzione Riservata

Commenti