Taormina, asilo nido comunale
Taormina, asilo nido comunale

Dopo le accorate proteste e l’indignazione dei genitori, si sblocca la questione dell’assenza di una caldaia all’asilo comunale di Taormina, dove i bambini (da 0 a 2 anni) sono rimasti in questi giorni al freddo e al gelo in una condizione a dir poco surreale che ha scatenato roventi polemiche anche in Consiglio comunale. Il Comune ha impegnato le somme che occorrono per il montaggio e l’attivazione della caldaia e i lavori inizieranno nella giornata di venerdì. L’avvio dei lavori è stato confermato sia da Palazzo dei Giurati che dalla ditta incaricata. Si dovrebbe così andare a risolvere una questione che ha visto, comprensibilmente, la protesta della famiglie dei bambini. I bimbi sono rimasti in pratica con le coperte e in alcuni casi c’è chi ha preferito lasciarli a casa per evitargli di stare in condizioni climatiche non idonee.

Bambini al freddo e al gelo. La protesta era arrivata in Comune anche attraverso la dura presa di posizione del presidente del Comitato di Gestione dell’Asilo, il consigliere comunale, Carmelo Leonardi, che ha posto a più riprese il problema in Consiglio comunale. “Abbiamo dato incarico alla ditta per fare subito i lavori ed attivare la caldaia nelle prossime ore”, ha detto l’assessore alla Pubblica Istruzione, Pina Raneri, che si è trovata in questi giorni nell’occhio del ciclone. Alla ripresa delle attività scolastiche, il 7 gennaio, si sono verificate giornate freddissime e persino la neve e in queste due settimane i bambini sono andati all’asilo in assenza del riscaldamento. Adesso ci si augura che sia davvero arrivato il momento della svolta.

© Riproduzione Riservata

Commenti