Taormnia, parcheggio Lumbi
Taormnia, parcheggio Lumbi

La prevista realizzazione degli ascensori di collegamento Lumbi-centro storico è stata oggetto nella mattinata di giovedì di un vertice a Palazzo dei Giurati. Il progetto verrà inserito nell’elenco delle opere per il G7 ma si profila una richiesta di deroga al Governo per la tempistica delle opere da eseguire. Si tratta di un’opera attesa da oltre 20 anni, mai eseguita ma che ha tutti pareri per essere cantierata subito. Il problema, anche in questo caso, è che da qui a maggio, anche avviando subito il cantiere, sarebbe però difficile concludere in tempo i lavori, e allora il Comune pensa ad una richiesta formale da inoltrare a Palazzo Chigi per cautelarsi e ottenere il placet ad una eventuale prosecuzione e completamento del cantiere anche dopo il G7.

Le reazioni dopo il summit. Alla riunione hanno preso parte il sindaco Eligio Giardina, il presidente del Consiglio, Antonio D’Aveni, il vicepresidente del Consiglio, Vittorio Sabato, il consigliere di opposizione Eugenio Raneri ed il progettista, l’ing. Antonino La Spada. «Ora o mai più, gli ascensori vanno realizzati e va completato il piano parcheggi della città di Taormina. Sta passando un treno irripetibile e bisogna sfruttare nel miglior modo possibile questa opportunità», ha detto Sabato, che ha voluto lo svolgimento di questo summit d’urgenza.«La riunione è andata bene, chiederemo una deroga al Governo e ne parleremo col Commissario Carpino», ha detto Giardina. «Le soluzioni si possono e si devono trovare in fretta per incanalare l’iter verso il binario giusto e realizzare gli ascensori. Ci è stato anche spiegato che ci sono delle metodiche moderne che potrebbero consentire tempi più stretti per la realizzazione di questa opera, che è certamente fondamentale per la città», ha aggiunto Raneri.

Un tormentone ventennale. Si tratta, d’altronde, dell’incompiuta di Taormina, se si pensa che il Lumbi è stato inaugurato nel 1995 e 22 anni dopo ancora devono essere realizzati gli ascensori di collegamento tra il parcheggio ed il centro storico, all’altezza di via Fontana Vecchia. E’ una vicenda che nessuna delle Amministrazione dell’ultimo ventennio è mai riuscita a risolvere ed in questo caso, analogamente ad altre situazioni come quella del Palacongressi, si sta prospettando all’orizzonte quella che potrebbe essere l’ultima chance per sbloccare la lunghissima stagione di impasse e per disporre dei fondi che occorrono alla realizzazione dell’opera. Stando alle stime inserite dal Comune in una bozza di lista presentata a Palazzo Chigi per le opere da far finanziare nel G7, il costo per la realizzazione del collegamento verticale Lumbi-Fontana Vecchia ammonterebbe a circa 2 milioni e mezzo di euro. Altre ipotesi parlano, invece, di un costo preventivabile sui 5 milioni. Il “balletto di cifre” pare una questione ancora aperta. Di certo c’è che il progetto, come detto, ha tutti pareri compreso quello della Soprintendenza e potrebbe essere subito cantierabile.

© Riproduzione Riservata

Commenti