Graziella Longo, consigliere comunale del Pd
Graziella Longo, consigliere comunale del Pd

Nelle stesse ore in cui l’ente gestore recapita a Palazzo dei Giurati una seconda diffida nei confronti del Comune di Taormina, il consigliere del Partito Democratico, Graziella Longo, sollecita l’Amministrazione a risolvere l’emergenza riguardante la Casa di riposo “Carlo Zuccaro”, che la Regione ha deciso di far chiudere per inadeguatezze “strutturali” e “igienico-sanitarie”. Longo chiede, soprattutto, massima attenzione per la situazione degli anziani e dei lavoratori della struttura. «Il mio pensiero – afferma il consigliere Longo – va agli anziani, al destino ancora confuso e incerto che li attende e a quel che ne sarà di loro. Non bisogna dimenticare che il punto più importante di questa vicenda sono gli anziani, le diatribe tra Comune ed ente gestore sono discorsi che devono passare in secondo piano adesso di fronte alla necessità ineludibile di aiutare gli ospiti della casa di riposo e stargli accanto. E lo stesso discorso vale anche per i lavoratori, che meritano altrettanta considerazione e vicinanza in questo difficile momento. Il sindaco e la politica taorminese non vadano a perpetrare rassicurazioni soltanto teoriche o promesse che non verranno poi mantenute, illudendo i lavoratori o creando aspettative destinate ad essere disattese».

Evitare altri contenziosi. «Qui è in gioco il futuro delle persone, degli anziani e dei lavoratori – prosegue Longo -, e bisogna avere il massimo senso di responsabilità al cospetto di questa problematica della Casa di riposo. La Giunta ci faccia sapere cosa intende fare, non possono bastare le comunicazioni a mezzo stampa o la notizia di un sopralluogo. Sono perplessa di fronte a questa situazione di incertezza assoluta. Chiedo che tutto avvenga con chiarezza e in maniera trasparente, e che vengano evitati ulteriori contenziosi. Questa struttura deve rivedere la luce, è un impegno che la politica deve assumersi e deve soprattutto portare a compimento. L’immobile donato dal Cavaliere “Carlo Zuccaro” deve essere una casa di riposo con tutti i crismi e gli standard richiesti, non una struttura precaria che produce contenziosi. Il Comune faccia la sua parte ed adempia ai suoi obblighi, faccia i lavori necessari e i vari passaggi procedurali come prevede la legge. Occorre garantire una degna e adeguata sistemazione immediata agli anziani, nel rispetto della loro dignità e del loro diritto alla salute. Non consentiremo che questi anziani vengano abbandonati».

© Riproduzione Riservata

Commenti