Enzo Scibilia, ex assessore ai lavori pubblici
Enzo Scibilia, ex assessore ai lavori pubblici

«Vorrei conoscere la data di consegna dei lavori per la ristrutturazione della Scuola Elementare Vittorino da Feltre”. Chiedo all’Amministrazione di farmi sapere il giorno esatto così da rendermi libero da altri impegni, per poter essere presente». La provocazione arriva dall’ex assessore Enzo Scibilia, che chiede ai vertici di Palazzo dei Giurati aggiornamenti sull’esatta situazione odierna dell’iter di finanziamento per la ex elementare di via Cappuccini, inagibile ormai dal lontano autunno 2004. «Ribadisco la richiesta all’assessore Carella di far sapere alla città che fine abbia fatto il finanziamento per la “Vittorino da Feltre” – afferma Scibilia -. Dia risposte certe e veritiere, altrimenti si dimetta. Taormina non può essere amministrata con la logica dei “dilettanti allo sbaraglio” e con improvvisazione».

L’intesa “disattesa” sul golf. «Per quale motivo – incalza Scibilia – non si danno chiarimenti sulla “Vittorino da Feltre”? Vogliamo sapere se quel finanziamento sia andato in fumo. Come mai non si parla più nemmeno delle 18 aule per le scuole medie di Trappitello che andavano realizzate nel plesso di via Santa Filomena sulla base di accordo stipulato a suo tempo tra il Comune la società proprietaria dei terreni del golf di Trappitello? Ci vogliono dare delle spiegazioni, o forse ancora gli atti sono fermi al Genio Civile da parecchi mesi a questa parte?. E’ arrivato il momento di dire la verità».

Non solo G7. «Il G7 non può distogliere l’attenzione da tutti gli altri problemi che evidentemente rimangono e sono sotto gli occhi di tutti. Nelle scuole di Taormina, sia del centro che delle frazioni, i nostri figli sono costretti a stare al freddo, non c’è riscaldamento e sul gasolio non ci si preoccupa di fare le necessarie scorte. Non si può amministrare senza fare programmazione. C’è una gestione sconcertante della cosa pubblica».

© Riproduzione Riservata

Commenti