Rosario Rassa
Rosario Rassa

Un altro pezzo di storia di Taormina se ne va. Si è spento nelle scorse ore all’età di 94 anni, Rosario Rassa, persona molto nota e stimata nella Perla dello Ionio. Un taorminese d’altri tempi, è il caso di dirlo e sottolinearlo. Sarino era meglio conosciuto in paese come “don Saro Piraredda”, con uno di quei tanti nomignoli simpatici che caratterizzavano la Taormina che fu. Amico di tutti, Sarino è stato soprattutto un lavoratore indomito e infaticabile per tutta la sua esistenza. Una persona dotata di straordinaria volontà e generosità, sempre a disposizione di chiunque avesse bisogno. Lo ricordano in tanti quando a spalla portava le bombole nelle abitazioni e lo faceva con una tale forza che strideva con la sua corporatura esile. Era la stessa forza che ci ha messo anche per affrontare e superare le avversità del destino, i giorni più tremendi di quella vita che gli ha portato via in tragiche circostanze due figli. A bordo della sua mitica ape, don Saro ha macinato tanti chilometri. Con la scomparsa di Sarino Rassa, Taormina perde un uomo comune che si è fatto voler bene e stimare da tutti e che, a suo modo, è stato un altro piccolo grande simbolo delle generazioni d’oro di questa comunità.

«Sei stato un grande cavaliere per il lavoro per la famiglia e per tutte le persone. Un grande padre, marito e un nonno eccezionale – scrive il nipote Natty – hai vissuto la tua vita fino in fondo e ora che hai deciso di lasciarci. Vai a riabbracciare i tuoi cari figli che per molto tempo non hai potuto fare. Salutami la mamma. Addio nonno riposa in pace, tvtb».«Riposa in pace, grande uomo, grande lavoratore. Ciao nonno», scrive anche il nipote Rosario, che porta pure lui il nome di don Sarino. Ai familiari vanno le più sentite condoglianze della redazione di TaorminaToday.

© Riproduzione Riservata

Commenti