Palacongressi di Taormina
Palacongressi di Taormina

«I lavori di sistemazione del Palacongressi potrebbero scattare già prima della fine del mese». Lo ha dichiarato l’assessore al Turismo, Salvo Cilona, al termine di un nuovo sopralluogo effettuato dalla delegazione italiana per il G7 nella mattinata di martedì, con i responsabili del Ministero degli Affari Esteri ed alla presenza anche del presidente dell’Associazione Albergatori, Italo Mennella. Le opere per l’adeguamento e messa a norma del Palazzo dei Congressi sono destinate, a quanto pare, a rappresentare il primo cantiere da avviare. Si tratta, in sostanza, di una priorità che il Comune ha chiesto al Governo di avviare con precedenza rispetto anche alle altre attività che dovranno essere poste sul territorio.

G7 e destagionalizzazione. Anche Mennella si è detto soddisfatto dell’esito del sopralluogo: «I segnali sono incoraggianti. Per il momento voglio soltanto dire che c’è grande attenzione da Roma su questi interventi. La volontà da parte del Governo di attuare la sistemazione del Palazzo dei Congressi è una volontà concreta e determinata, che può produrre riflessi importanti per la Città di Taormina». L’obiettivo è quello di sistemare le problematiche ormai trentennali del palazzo, ed in primis superare la questione della mancanza di agibilità. Ciò dovrebbe consentire la sistemazione della struttura per renderla funzionale in occasione del G7 del 26 e 27 maggio ma anche e soprattutto poi in via definitiva per le esigenze della città, nell’ottica di quella tanto agognata destagionalizzazione dei flussi turistici.

© Riproduzione Riservata

Commenti