Taormina. “Caso Protocollo”, Caltabiano denuncia “privacy violata negli uffici comunali”

Il presidente della Quarta Commissione scrive alla segretaria generale e al sindaco: «Presenza di persone non autorizzate all'interno dell'Ufficio Protocollo. Necessario tutelare il diritto alla riservatezza di ogni comune cittadino»

0
1535

“All’Ufficio Protocollo del Comune di Taormina non c’è privacy sugli atti”. A far scoppiare il caso e denunciare un problema di necessaria tutela della riservatezza delle documentazioni che vengono acquisite al Protocollo, è la consigliera di opposizione e presidente della Quarta Commissione consiliare, Alessandra Caltabiano, che ha trasmesso nelle scorse ore una nota di protesta al segretario generale Rossana Carrubba ed al sindaco Eligio Giardina. Caltabiano lamenta la presenza di estranei, tra i quali anche esponenti del panorama politico locale, in uno degli uffici più importanti e “sensibili” dell’ente locale.

La lettera della consigliera. «Comunico di aver constatato più volte, in passato ed ancora adesso – afferma la consigliera Caltabiano -, la presenza di persone non autorizzate all’interno dell’Ufficio Protocollo, ufficio che va considerato molto importante per la privacy di ogni comune cittadino». «Tale reiterato problema a mio parere è un fatto gravissimo, pertanto va assolutamente vietato l’ingresso ai non autorizzato e spostata la postazione dei messi comunali. Si comunica altresì che l’orario di apertura dell’ufficio è delle ore 10. Sicura di un vostro riscontro porgo distinti saluti».

SHARE