Turisti vanno via da Taormina
Taormina sotto la neve. Disagi per i turisti

Mentre Taormina è invasa dalla neve non manca qualche dissapore sull’inusuale situazione di queste ore e ad esprimere le sue perplessità è, in particolare, il presidente dell’Associazione Albergatori, Italo Mennella, secondo cui «sarebbe stato opportuno prevedere un servizio di ripulitura delle strade sin dalle prime ore della mattinata di sabato». «Alcuni clienti – ha spiegato Mennella – hanno lasciato gli alberghi “in fretta e furia” poiché le strade erano ormai diventate impraticabili e soprattutto 6 turisti, a causa dei ritardi dovuti alle strade completamente bloccate, hanno poi perso l’aereo. È del tutto evidente che siamo di fronte ad uno scenario rarissimo, che si verifica una volta ogni chissà quanti anni, ma qualcosa per alleviare almeno i disagi si poteva e si doveva fare, liberando le strade principali. La via San Pancrazio, ad esempio, è rimasta completamente inaccessibile sotto un fitto strato di neve. In questi casi basterebbe far entrare in azione un camion, per andare a spazzare in parte le strade e liberarle nella parte centrale della carreggiata».

Turismo e disagi. «Nelle mie parole ovviamente non c’è nessun intento polemico – aggiunge Mennella – ma un invito ad una maggiore incisività negli interventi da porre in essere quando possono verificarsi dei fenomeni straordinari del genere, che poi rischiano di paralizzare un intero territorio. Per il resto, è chiaro che dal punto di vista dell’immagine Taormina sta mostrando una spettacolare cartolina al mondo con il territorio imbiancato ma è altrettanto essenziale prevenire i disagi e i problemi nei collegamenti e gli spostamenti per chi si trova nel territorio, sia per i turisti che ovviamente per i residenti».

© Riproduzione Riservata

Commenti