Casa di riposo Carlo Zuccaro
Casa di riposo Carlo Zuccaro

La Regione Siciliana chiude la Casa di riposo di Taormina e la cancella dall’albo regionale delle strutture per anziani. Il clamoroso provvedimento è stato disposto dall’Assessorato regionale alla Famiglia, alle Politiche Sociali e del Lavoro. Una nota dell’Asp Messina, del 5 maggio 2016, avevano segnalato gravi elementi di criticità di natura igienico sanitarie, nonché carenze strutturali del centro di contrada S. Antonio dove sono ricoverati 28 anziani. Una successiva relazione ispettiva del funzionario incaricato dall’assessorato ha confermato le carenze. Con successiva nota del 15 settembre 2016 era stata quindi “diffidata” l’Associazione Istituto S. Alessio, ente gestore “a eliminare le carenze”. Con successive note del 24 ottobre e del 7 dicembre dell’anno appena trascorso, a sua volta, l’Associazione Istituto S. Alessio ha “diffidato” il Comune di Taormina, proprietario della struttura assistenziale, «ad effettuare i lavori tendenti al ripristino delle condizioni che hanno determinato l’iscrizione all’albo regionale».

Il dispositivo dell’assessorato. «A oggi – scrive il dirigente del servizio Antonio Arrigo – non risultano eliminate le gravi criticità e pertanto non sussistono le condizioni igienico-sanitarie, presupposto per garantire il benessere per gli anziani ospiti». Sempre per il dirigente «sono venuti meno, per quanto rappresentato, i requisiti necessari per il mantenimento dell’iscrizione all’albo regionale». La Regione ha cosi deciso di «procedere con urgenza alla revoca del decreto n.672 del 9/04/2010 inerente l’iscrizione all’albo regionale dell’Associazione Istituto S. Alessio per la casa di riposo “Carlo Zuccaro” di contrada S. Antonio. La cancellazione è stata decretata con effetto immediato».

E adesso che succede? La struttura comunale dovrà adesso essere evacuata entro cinque giorni, alla luce dell’assenza delle necessarie autorizzazioni e l’enorme interrogativo riguarda la destinazione incerta dei 28 anziani ricoverati sin qui nella Casa di riposo taorminese. Dove andranno a finire? In quali altre strutture verranno spostati e per quanto tempo saranno costretti a rimanere lontani da Taormina? Il caso è aperto, non è difficile prevedere tante polemiche ed è evidente che bisognerà fare chiarezza su questa grave e mortificante vicenda: ma la priorità dovrà essere innanzitutto quella di occuparsi di queste 28 persone che necessitano di serenità e non possono essere sottoposti ad un aggravio della loro condizione psicofisica.

© Riproduzione Riservata

Commenti