Dolores Guindani
Dolores Guindani

Si è spenta improvvisamente, all’età di 67 anni, a seguito di un malore fulminante, che l’ha colpita nel sonno proprio nelle ore che hanno preceduto il Capodanno, Dolores Guindani, moglie di Mario Bevacqua, presidente del Lions Club Taormina e presidente emerito di Uftaa (la Federazione mondiale degli Agenti di Viaggio). Originaria di Milazzo (dove adesso riposerà), aveva quindi vissuto a Catania ma da sempre assidua frequentatrice ed autentica innamorata di Taormina, la signora Dolores era una donna solare e combattiva. Attenta osservatrice dei fenomeni sociali e culturali del tempo, aveva affrontato e superato le avversità della vita con grande carattere: rimase vedova del primo marito, con tre figli da portare avanti, ma la sua forza d’animo le consentì di non farsi sopraffare dagli eventi. Poi l’incontro con Mario Bevacqua, stimata e nota figura del turismo internazionale, una coppia di inseparabili innamorati che presenziava puntualmente insieme a tanti appuntamenti pubblici e privati in modo affiatato.

Rischiatutto. Dolores Guindani era diventata famosa nel 1991 in tutta Italia, per il successo ottenuto a “Rischiatutto”, la celebre trasmissione a quiz di Mike Bongiorno. Rispondendo in modo esatto a tutte le domande era riuscita nell’impresa di vincere la bellezza di 250 milioni di lire. Il capolavoro lo aveva compiuto nella difficile domanda finale, quando senza esitare rispose: Bagatto, che lei abbinò a Tarocchi. Aveva una grande passione: il burraco, ed era infatti presidente dell’Accademia del Burraco, partecipando a diversi tornei ed organizzandoli con impegno e con la voglia di fare gruppo con gli amici. Se n’è andata nel sonno, lasciando tutti di sasso, alle porte di quel nuovo anno che non vedrà mai eppure il ricordo di questa distinta donna d’altri tempi rimarrà sempre vivo nel cuore dei suoi affetti e di ogni persona che l’ha conosciuta e stimata. Al marito Mario Bevacqua e ai figli Fausto, Luca, Arnaldo vanno le condoglianze della redazione di TaorminaToday

© Riproduzione Riservata

Commenti