Vittorio Sabato
Vittorio Sabato, vicepresidente del Consiglio comunale di Taormina

«Forse il bilancio esitato in Consiglio non sarà stato il migliore del mondo ma i bilanci vanno votati ed è per questo che lo abbiamo approvato. È una scelta nella quale c’è il nostro senso di responsabilità. Non si può mandare il Comune di Taormina al dissesto». Così il vicepresidente del Consiglio comunale ed esponente del gruppo consiliare “Diventerà Bellissima”, Vittorio Sabato, difende il bilancio 2016 al quale il Civico consesso ha dato il 27 dicembre scorso “disco verde” col voto della maggioranza, tra le polemiche e la contrarietà delle forze di opposizione. E Sabato si è anche soffermato, con qualche frecciata, sulle durissime critiche mosse all’Esecutivo dal presidente della Quarta Commissione Consiliare, Alessandra Caltabiano.

Una scelta per la città. «Faccio i complimenti alla consigliera Caltabiano – ha detto Sabato – che in una sola legislatura ha fatto passi da gigante. Indubbiamente i rimproveri e le critiche da lei mosse nei nostri confronti ci ha fatto arrossire. Devo ammettere che non è facile scrivere un documento dettagliato come quello di cui ha dato lettura in aula la consigliera. In questi casi ci vogliono quattro avvocati e quattro giuristi. Ma magari i rimproveri mi sono parsi un po’ troppo severi. Qualcosina da rivedere a mio avviso c’è in quell’intervento. Siamo sempre amici e saremo sempre amici, ma io dico che i bilanci si devono votare e ce lo insegna d’altronde l’ex presidente Eugenio Raneri, che in passato lo ha votato anche da solo nella passata legislatura. Noi quel bilancio lo abbiamo votato per salvare la città».

© Riproduzione Riservata

Commenti