Serata di inaugurazione della VI edizione del Taobuk
Serata di inaugurazione della VI edizione del Taobuk

Il Consiglio comunale prepara un atto di indirizzo su Taobuk. A sollevare la questione è stato in aula il consigliere di opposizione Eugenio Raneri, che nel suo intervento sul bilancio di Palazzo dei Giurati ha reclamato “chiarezza immediata” in riferimento alle future scelte che intenderà fare il Comune di Taormina sul finanziamento a Taobuk, il Festival delle “Belle Lettere”, in vista della prossima edizione nel 2017. «Su Taobuk che intenzioni ha il Comune di Taormina? Cosa vuole fare l’Amministrazione? – ha detto Raneri in aula -. Taobuk non può più essere gestita in questo modo. Le strade che abbiamo davanti sono due. O il Comune esce da Taobuk e torna alla “Casa del padre” mentre viene fatta la libreria storica a Palazzo Ciampoli, oppure con immediatezza nel 2017 l’Amministrazione dovrà venire in Consiglio comunale a relazionare e dire cosa si intende fare».

L’annuncio di D’Aveni. E sull’argomento ha preso la parola anche il presidente del Consiglio comunale, Antonio D’Aveni che ha preannunciato un atto di indirizzo del Civico consesso sul festival internazionale del libro. «Si è parlato tanto di Taobuk in queste settimane – ha dichiarato D’Aveni -e posso già preannunciare che a gennaio, interpretando il pensiero un po’ di tutti i consiglieri, il Consiglio fare sicuramente un atto di indirizzo. E quell’indirizzo lo concorderemo tutti». A quanto pare l’intenzione del Consiglio comunale sarebbe quella di non prevedere un contributo in bilancio per la prossima edizione del Taobuk, evento che negli anni è cresciuto in maniera importante e che potrebbe comunque andare avanti a quel punto con altre risorse ed in particolare con il sostegno dei privati.

© Riproduzione Riservata

Commenti