Taormina. Sede Suore Francescane, ecco l’offerta del Comune: affitto di 6 mesi

La casa municipale sta per inviare una lettera ai vertici romani delle Suore Missionarie di Maria nella quale verrà richiesta la concessione dell'immobile di via Bagnoli Croce per adibirla a scuola. Spunta l'ipotesi di un comodato d'uso. Il sindaco Giardina: «Ho dato mandato alla segretaria comunale per la trasmissione della nostra proposta, auspichiamo una risposta positiva»

0
1221

Il Comune di Taormina rompe gli indugi e chiede ufficialmente alle Suore Francescane Missionarie di Maria l’affitto dell’immobile di via Bagnoli Croce che l’Istituto religioso ha messo in vendita nei mesi scorsi e che verrà rilasciato nei primi mesi del nuovo anno. Il tentativo è quello di avere il complesso nella disponibilità del Comune per allocarvi li le scuole medie ed elementari, tenendo conto che la scuola media “Ugo Foscolo” sta per essere sottoposta ad interventi di adeguamento e messa a norma che impediranno la permanenza degli studenti a scuola durante lo svolgimento delle attività di cantiere. «Ho dato mandato alla segretaria comunale, dott. Rossana Carrubba – spiega il sindaco Eligio Giardina – di predisporre una nota in risposta alla comunicazione pervenutaci a suo tempo dalle Suore Francescane, nella quale ci chiedevano di valutare l’opportunità di formulare loro un’offerta per la loro sede e nella quale ci veniva concesso una prelazione sul futuro di quell’immobile. Abbiamo deciso di fare un’offerta e chiedere intanto un affitto per un periodo di almeno 6 mesi. Ci auguriamo che la risposta possa essere positiva».

L’ipotesi del comodato d’uso. Nei giorni scorsi Giardina, nell’ottica di una richiesta di affitto ma anche per una eventuale acquisizione futura del bene, ha chiesto agli uffici sovrintesi dalla dott.ssa Carrubba di effettuare una indagine di mercato nella quale verificare la valutazione economica dell’edificio tramite l’Agenzia delle Entrate e l’Agenzia del Demanio. «Al momento posso soltanto dire che sto predisponendo gli opportuni atti burocratici – spiega la dott.ssa Carrubba – al fine di verificare la disponibilità dell’Istituto Suore Francescane alla concessione dell’immobile per un affitto dello stesso, anche mediante l’ipotesi di un comodato d’uso trattandosi di una destinazione che sarebbe quella di scuola e quindi con una tipologia di utilizzo sociale, per la collettività». Il segretario generale di Palazzo dei Giurati si avvia a trasmettere nelle prossime ore l’apposita nota a Roma, ai vertici dell’Istituto religioso, con la quale verrà comunicata la posizione del Comune di Taormina.

Gli scenari all’orizzonte. Bisognerà, quindi, vedere quale sarà la risposta delle Suore, che si apprestano a dire addio alla Città di Taormina e puntano a trovare una soluzione risolutiva sul destino dell’edificio, qualunque essa sia, entro la fine di gennaio. Il Comune al momento ha messo in agenda l’avvio dei lavori alla scuola “Ugo Foscolo” a maggio, quando di fatto arriverà a conclusione l’anno scolastico, non essendo ad oggi disponibile una struttura dove poter spostare immediatamente gli studenti. Differente sarebbe il discorso se dovesse arrivare un “sì” ad un utilizzo immediato del complesso che sinora è stato sede delle Suore Francescane. A quel punto il trasferimento delle 18 classi di elementari e medie potrebbe già avvenire all’inizio del 2017, magari nell’arco di un paio di settimane. Sul tavolo rimane anche l’ipotesi di un impegno del Comune per l’acquisto dell’immobile, ma con una discorso di prospettiva non essendoci ad oggi una disponibilità economica della Giunta ad un investimento così oneroso.