Pinuccio Composto
Pinuccio Composto, capogruppo di "ProgettiAmo Taormina"

Anche il capogruppo di “ProgettiAmo Taormina”, Pinuccio Composto va all’attacco sulle somme urgenze del Comune di Taormina. «In questo Comune ormai per qualsiasi cosa si attinge al bilancio comunale e poi le tasse per i cittadini aumentano – ha detto Composto -. Lo Sportello Europa può essere una soluzione per compensare alle carenze di questo ente locale e forse ci si è svegliati. Il problema è che su tutte le opportunità di finanziamenti per i Comuni Taormina non partecipa. L’ultimo esempio è quello di un bando 30 settembre 2015, inerente infrastrutture, opere ecclesiastiche e militari, ed interventi comunali come ad esempio per le piazze. I Comuni della zona hanno partecipato, Castelmola ha preso 2 milioni di euro, Letojanni 800 mila euro, Giardini 900 mila euro. Noi non partecipiamo: o perché siamo ricchi o siamo imbecilli».

Le somme spese. «La colpa non è dell’assessore Carella – continua Composto – ma di chi lo ha messo lì: un ragazzo di 15 anni forse produrrebbe di più, perché ha più voglia. Non intendo parlare nemmeno degli altri finanziamenti e sono davvero tanti». «Si sono fatte tante somme urgenze che dovevano passare in Consiglio comunale e che dovevano andare alla supervisione dell’assemblea, trattandosi di somme che vengono prelevate dal bilancio comunale. Sono stati utilizzati 50 mila Bongiovanni-Pescatore, 40 mila euro per contrada Branco dove la situazione è ancora peggiorata e quindi o lo studio era incompleto o le somme erano insufficienti. E sono stati utilizzati 50 mila euro di bilancio comunale per sistemare il tetto del Palazzo dei Congressi. Allora che somme urgenze sono? Sono forse delle “quasi” somme urgenze».

© Riproduzione Riservata

Commenti