Carmelo Valentino, consigliere del Partito Democratico
Carmelo Valentino, consigliere del Partito Democratico

Scoppia il “caso Somme urgenze” al Comune di Taormina. A sollevare la questione è stato il consigliere del Partito Democratico, Carmelo Valentino che ha sollevato forti perplessità sugli interventi post-maltempo riguardanti i danni successivi all’alluvione del 25 novembre scorso. «In questo Comune sono state fatte delle somme urgenze inutili – ha detto Valentino – Sono stati buttati al vento 260 mila euro. Si tratta di somme sperperate per raccogliere del fango e terriccio. Perché di questo si trattava. A mio avviso c’è da vergognarsi e vogliamo delle spiegazioni. Non mi si dica l’assurdità della Via nazionale, perché la deve liberare l’Anas, che per altro l’ha fatto: lì il terriccio arriva dall’autostrada ed è responsabilità del Cas, non nostra. Da quanto tempo non fa manutenzione il Cas?».

La spesa per i lavori. Oltre 266 mila euro è la cifra esatta che ha impegnato il Comune di Taormina con una serie di interventi di somma urgenza per i danni provocati sul territorio dalla bomba d’acqua del 25 novembre. Con apposita presa d’atto la casa municipale ha quantificato e rendicontato nei giorni scorsi la spesa esatta che Palazzo dei Giurati ha affrontato a seguito del maltempo abbattutosi sull’intero comprensorio ionico. Il caso ora è stato oggetto di polemiche in Consiglio comunale. «L’evento – secondo quanto relazione dagli uffici comunali nella relazione su quanto avvenuto – ha causato notevoli danni, in particolare allagamenti smottamenti e frane di terreni, con conseguente intralcio e/o blocco dalla circolazione stradale in diverse strade».

Relazione dell’Utc. A seguito di tutto ciò «l’Ufficio Tecnico ha effettuato sopralluoghi e ha redatto relazione con cui si comunica che occorreva intervenire, con rito di somma urgenza, alla immediata rimozione degli inconvenienti provocati dal nubifragio. È stata pertanto disposta con apposita ordinanza sindacale l’immediata esecuzione dei lavori, con procedura di somma urgenza al fine di eliminare i gravi inconvenienti e i disagi ai cittadini che abitano nei luoghi colpiti dagli eventi atmosferici del 25 novembre». Nell’occasione come si ricorderà si è dovuta chiudere per alcune ore la Via Crocefisso, principale arteria di Taormina Sud, invasa dal fango e da detriti sul manto stradale, e si sono registrate una serie di frane e allagamenti sia nel centro storico della città che nella frazioni.

Fare chiarezza. Il consigliere Valentino ha chiesto adesso alla Giunta, ed in particolare all’assessore ai Lavori pubblici, Gaetano Carella, di «rendicontare le somme, le ditte e come sono state individuate e con quanti operai lavoravano» per le somme urgenze. «C’è chi gira sul territorio, per sfortuna dell’Amministrazione – ha aggiunto Valentino -. Qualcuno è stato mandato in procura per casi molto più gravi di questo».

© Riproduzione Riservata

Commenti