Taormina. Accorinti: «Le Rocce luogo perfetto per rigenerarsi»

Il sindaco della Città Metropolitana spiega il suo placet all'iniziativa di Antonio Presti per il Villaggio Le Rocce: «I cittadini di Taormina, di Messina e del mondo potranno trovare in questo luogo un luogo di pace, culturale e spiritualità. È un posto che ci riporta all'intuizione avuta dalle popolazioni che realizzarono il Teatro Antico e la Valle dei Templi»

1467

Lo aveva preannunciato nei mesi scorsi e Renato Accorinti ha confermato il suo “sì” all’iniziativa di Antonio Presti per il Villaggio Le Rocce. Adesso che il bene è stato consegnato alla Fondazione Fiumara d’Arte, il sindaco della Città Metropolitana di Messina spiega cosa può diventare l’oasi naturalistica che si avvia verso la riqualificazione. «Abbiamo la fortuna – spiega Accorinti – di avere luoghi straordinari dove migliaia di anni fa popolazioni con una coscienza straordinaria e sensibilità elevata hanno sentito e capito che andava fatto il Teatro Antico a Taormina e la Valle dei Templi ad Agrigento. Adesso dare spazio a Presti di realizzare qui, a Le Rocce, un Museo è una opportunità unica per qualsiasi cittadino di Taormina, di Messina e del mondo. È una possibilità preziosa di arrivare qui e trovare una dimensione umana e spirituale. È la cosa che va fatta e Presti lo farà sicuramente bene. Questi percorsi cambiano la vita concreta».

«Il denaro offusca l’anima». «Ancora oggi l’Occidente che è veramente malato con tutta la sua politica, e che mette al centro il denaro e il potere, non ha compreso che va fatta una inversione di tendenza totale, sia culturale che spirituale. È il presupposto fondamentale per vivere meglio, è la cosa che ci farà vivere liberi e felici. Luoghi come il Villaggio Le Rocce ci riportano all’etica e ad una morale alta, è un posto dove poter trovare pace, rigenerarsi e trovare se stessi».

© Riproduzione Riservata

Commenti