Antonio D'Aveni, presidente del Consiglio comunale
Antonio D'Aveni, presidente del Consiglio comunale

Preambolo polemico all’inizio dell’incontro in aula consiliare tra Antonio Presti ed il Consiglio comunale. Il presidente del Civico consesso, Antonio D’Aveni, nel suo discorso di introduzione, ha infatti espresso il suo disappunto circa un “disguido istituzionale” che ha riguardato gli inviti alla cerimonia di consegna del villaggio Le Rocce ad Antonio Presti, a cura della Città Metropolitana di Messina che ha concesso al mecenate messinese il bene in comodato d’uso.

L’intervento di D’Aveni. A tal proposito, prima di dare la parola a Presti, è così intervenuto in apertura di seduta D’Aveni: «Sono ottimista, sono certo che tutto andrà bene ma aver visto l’invito dove manca il sindaco di Taormina mi ha fatto impressione. Il padrone di casa non è stato invitato dalla Provincia. Alcune volte anche noi consiglieri siamo un po’ bistrattati». «Mi spiace, non ho fatto io gli inviti, li ha curati la Provincia», ha risposto Presti. La cerimonia di martedì mattina è stata organizzata per i soli giornalisti per motivi di sicurezza, vista la situazione attuale di abbandono e dissesto del villaggio, chiuso ormai dal lontano 1972. A seguire un altro spunto critico è arrivato anche dall’assessore al Turismo, Salvo Cilona, che nel suo intervento ha lanciato a sua volta frecciate ai banchi della maggioranza, ancora una volta vuoti: «Alcuni consiglieri non sono presenti e questo me ne duole. Ringrazio invece i presenti che sono cioè quelli della minoranza, anzi della proposizione, che danno un segnale e in tutti i modi sono sempre presenti. Ma anche nelle passate legislatura d’altronde la minoranza è sempre stata presente».

© Riproduzione Riservata

Commenti