Letojanni, danni causati dal violento nubifragio del 25 novembre scorso
Letojanni, danni causati dal violento nubifragio del 25 novembre scorso

Dopo i tragici fatti dei giorni scorsi, con l’alluvione che il 25 novembre ha portato alla scomparsa dell’imprenditore Roberto Saccà, il sindaco di Letojanni, Alessandro Costa, ha diffuso un breve “vademecum” per i cittadini con il quale li invita ad attenersi scrupolosamente ad una serie ben precisa di norme comportamentali, elaborate d’intesa con la Protezione Civile. Si tratta, in pratica, di una guida ai comportamenti da porre in essere e a quelli da evitare in occasione delle giornate di allerta meteo quando vi saranno, insomma, rischi di analoghe precipitazioni temporalesche.

Le norme. L’obiettivo è quello di prevenire che nel ripetersi di forti piogge possano verificarsi ulteriori drammatiche conseguenze come avvenuto il 25 novembre quando a seguito di una bomba d’acqua in quell’infausto pomeriggio ha perso la vita purtroppo il signor Saccà. L’avviso già posto in essere per lo scorso 7 dicembre raccomanda ai cittadini le seguenti norme di “auto-protezione”: «Evitare di prestare attenzione alle indicazioni fornite dalle Autorità; limitare l’uso di automezzi privati al solo scopo di estrema necessità; prestare la massima cautela quando si è nei pressi di corsi d’acqua; non sostare sui ponti o lungo gli argini e le rive di un corso d’acqua in piena». Ed infine si raccomanda di «non percorrere un passaggio a guado durante e dopo un evento piovoso».

© Riproduzione Riservata

Commenti