Deputato nazionale del Movimento Cinque Stelle, Alessio Villarosa
Deputato nazionale del Movimento Cinque Stelle, Alessio Villarosa

Torna in primo piano la questione degli scarichi nel fiume Alcantara e nel mirino del M5S finisce l’impianto di depurazione di Giardini Naxos. Il deputato nazionale del Movimento Cinque Stelle, Alessio Villarosa, nel sostenere che vi sia una condizione di “tropo pieno” e fuoriuscita di liquami che inquinerebbero la foce del fiume, ha presentato infatti un esposto presso i Carabinieri di Giardini Naxos nel quale si chiede alla Procura di Messina di effettuare «opportuni accertamenti finalizzati a verificare la sussistenza di eventuali profili di rilevanza penale».

Mobitoraggi e sospetti. Gli attivisti del Meetup di Taormina e Calatabiano avevano in tal senso monitorato il fiume Alcantara nei mesi di luglio e agosto. «Continua la nostra attenzione sui depuratori della Provincia di Messina – ha detto Villarosa -. A luglio avevamo inizialmente deciso di visitare il depuratore di Giardini che serve quattro Comuni. L’impianto al nostro arrivo era in piena attività ed abbiamo potuto valutare come funzionassero tutti i vari trattamenti intermedi che portano ad un refluo depurato. Visivamente trasparente, come abbiamo potuto constatare in quel momento. Nonostante ciò, però, le segnalazioni di scarichi anomali lungo il fiume Alcantara continuavano e così dopo esserci accertati che la gestione del “troppo pieno” fosse di sola competenza del Consorzio, abbiamo deciso di monitorare lo scarico esternamente andando a controllare, grazie all’aiuto di cittadini attenti, quasi giornalmente ciò che scaricasse». Nell’esposto firmato da Villarosa ed anche da Massimo Amoroso (attivista di Calatabiano), accompagnato da un cd con una serie di filmati raccolti, sono state anche segnalate quelle che sembrerebbero delle anomalie sulle quali ora verranno effettuati i relativi accertamenti.

© Riproduzione Riservata

Commenti