Castelmola, frana cuculunazzo
Castelmola, frana cuculunazzo

Almeno 20 famiglie nel dramma dell’isolamento post-nubifragio a Castelmola, di cui 18 nella zona del torrente Santa Venera, al confine con Taormina, e altre 2 in contrada Scala Traversa. I danni in paese ammontano ad oltre 1 milione di euro. Sono i numeri drammatici della situazione a Castelmola, dove soprattutto il torrente Santa Venera è tornato a creare danni e disagi come già avvenuto a più riprese in passato e ha isolato diversi nuclei familiari.

Dramma e amarezza. «Ci sono 18 famiglie che non possono raggiungere le loro abitazioni a seguito dei fatti avvenuti venerdì scorso, non bastano più gli interventi tampone ed occorre invece una regimentazione approfondita e definitiva del torrente Santa Venera altrimenti saremo sempre punto e a capo», ha reso noto il sindaco Orlando Russo, che ha informato della situazione l’assessore regionale al Territorio Maurizio Croce. «A Castelmola ci troviamo a subire e dover combattere di nuovo grandi disgrazie – racconta con amarezza il primo cittadino del borgo turistico -. Qui come anche nelle altre località i sindaci sono ogni giorno in trincea e se accade qualsiasi cosa la colpa poi è nostra e questo dispiace. Nel caso specifico, su Castelmola ho dovuto emettere oltre 70 mila euro di ordinanze per lavori urgenti e non so come e quando potrò pagarle. Abbiamo 17 km di territorio e la quasi totalità è interessata da smottamenti vari. Su 1200 abitanti complessivi, il 30% di residenti si trova in centro ma il 70% vive nelle aree periferiche, nelle contrade che sono disastrate e hanno subito seri danni a causa delle forti piogge».

Le criticità nelle contrade. «La situazione resta critica soprattutto in contrada Cuculunazzo, dove a seguito dei massi caduti di recente abbiamo necessità di intervenire in fretta e di ottenere i 2 milioni di euro che occorrono per completare il progetto avviato nel 2013, dopo la prima frana, quando vennero fatti interventi per 400 mila euro. Le relazioni fatte da Genio Civile e Protezione Civile sulle condizioni dell’area sono pesantissime, bisogna intervenire in termini immediati. Abbiamo anche due famiglie isolate in zona Scala Traversa, dove stiamo cercando di intervenire con mezzi comunali. Infine, mi è stato richiesto, inoltre, nel rione Garitella di formalizzare due sgomberi per due famiglie ma non so dove potremo metterle perché poi non possiamo pagare ed è chiaro che i privati che andiamo a contattare ci danno una risposta negativa».

© Riproduzione Riservata

Commenti