Giardini Naxos. Lo Turco: «Noi sindaci ultima barriera senza risorse. Attività commerciali nel dramma»

Il primo cittadino sollcita massima attenzione sulla situazione del torrente S.Giovanni: «Non abbiamo le risorse necessarie né economiche né umane e non possiamo neppure assumere operai. Purtroppo si è ripetuto tutto a distanza di un anno e il Comune si ritrova a dover affrontare la medesima emergenza.Ho paura che sia la stessa situazione di Genova e che la copertura realizzata negli Anni Settanta costituisca un vero pericolo»

Giardini Naxos come Genova? L’inquietante dubbio si fa spazio tra le parole del sindaco della seconda stazione turistica siciliana, Nello Lo Turco, che a pochi giorni dall’alluvione del 25 novembre scorso, sollecita massima attenzione sulla situazione del torrente San Giovanni e non fa mistero delle sue, comprensibili, preoccupazioni.

Apprensione. «Noi poveri sindaci siamo l’ultima barriera – ha detto Lo Turco rivolgendosi nelle scorse ore all’assessore al Territorio ed Ambiente, Croce. Siamo quelli chiamati poi a pagare le conseguenze. Non abbiamo le risorse necessarie né economiche né umane e non possiamo neppure assumere operai. Purtroppo si è ripetuto tutto a distanza di un anno – dichiara Lo Turco – e le attività commerciali sono di nuovo nel dramma e anche il Comune si ritrova a dover affrontare la medesima emergenza. Siamo di fronte ad una vera e propria bomba ad orologeria. Ho paura che sia la stessa situazione di Genova e che la copertura realizzata negli Anni Settanta costituisca un vero pericolo e anche se abbiamo già un finanziamento regionale per poter realizzare un progetto e migliorare lo stato delle cose, io mi auguro possa essere la soluzione definitiva ma ho qualche remora».

© Riproduzione Riservata

Commenti