«Il turismo in Sicilia sta vivendo un momento felice. Una congiuntura favorevole dovuta alla forza attrattiva della nostra isola che possiede un patrimonio culturale che al mondo non ha eguali per bellezza e quantità e all’instabilità politica che vivono i paesi del Nord Africa legata alle guerre che insanguinano il territorio». L’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana, Carlo Vermiglio, che ha preso parte agli Stati generali del turismo siciliano, commenta i dati incoraggianti registrati dal comparto turistico nell’ultimo. «Dobbiamo fare il possibile perché questa attrattività – spiega Vermiglio – possa essere un fatto costante e non episodico. Su questo argomento stiamo ragionando insieme al collega Barbagallo, assessore al turismo, con il quale abbiamo creato una cabina di regia per organizzare al meglio questo settore valorizzando quanto di più bello abbiamo in Sicilia».

«Il G7 porrà la città di Taormina sotto i riflettori di tutto il mondo – continua Vermiglio – Credo sia un momento topico per il quale dobbiamo lavorare tutti insieme». L’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana si è anche soffermato su uno degli appuntamenti più importanti che vede Taormina come protagonista. «In occasione del vertice mondiale si prevedono grandi eventi culturali per le delegazioni del G7 e per tutti i turisti che sceglieranno Taormina»

© Riproduzione Riservata

Commenti