Un incontro di PDR-Sicilia Futura (Foto di archivio)
Un incontro di PDR-Sicilia Futura (Foto di archivio)

Tutela del territorio e rispetto degli impegni presi sono stati i temi affrontati durante il congresso provinciale del gruppo politico PDR-Sicilia Futura, al Royal Palace Hotel di Messina. Insieme al presidente del partito Totò Cardinale, al capogruppo all’Ars Beppe Picciolo e al presidente della commissione Ars lavoro Marcello Greco, si sono ritrovati gli amministratori dei 108 Comuni della provincia di Messina aderenti al partito. L’assemblea è stata anche l’occasione per ribadire il sì di Sicilia Futura al referendum costituzionale del 4 dicembre.

Assetto organizzativo. Nel rinnovo delle cariche di rappresentanza di Sicilia futura, nel Direttivo regionale è stato nominato Mario D’Agostino, mentre Salvatore Bosco, riconfermato segretario cittadino di Giardini Naxos, è stato inserito nel Comitato Regionale. A margine dei lavori è stato rinnovato l’organigramma dirigenziale del partito, che ha visto riconfermati Santino Calderone nella carica di segretario provinciale e di Mario D’Agostino come coordinatore del movimento per la fascia jonica. Secondo Calderone «la significativa crescita del nostro movimento politico in questo importante e bellissimo territorio della provincia di Messina, è dovuta proprio all’impegno ed al lavoro di questi due amici che adesso rappresenteranno il proprio territorio anche a livello regionale».

L’impegno di D’Agostino e Bosco. «Cercheremo naturalmente –spiega D’Agostino – di rappresentare al meglio, adesso anche a livello regionale, il nostro comprensorio, privilegiando soprattutto quelle battaglie sociali che dovranno essere portate avanti a fianco delle nostre comunità». Raddoppia l’impegno di D’Agostino che oltre ad essere stato riconfermato coordinatore del gruppo politico PDR-Sicilia Futura per la zona jonica della provincia di Messina farà parte del Direttivo regionale. «Una delle chiavi di lettura di questa nomina è legata alla capacità di stare tra la gente, provando ad intercettare i loro bisogni e le loro necessità. E’ un ruolo che proveremo ad esercitare fino in fondo, perché bisogna saper rappresentare anche chi non ha avuto, finora, “voce politica”». Soddisfazione è stata espressa anche dall’on. Picciolo, che ringrazia per l’impegno i rappresentanti del territorio, manifestando apprezzamento per l’operato svolto anche dall’assessore santateresino Gianmarco Lombardo, terzo componente della fascia jonica ad essere inserito nel direttivo regionale.

© Riproduzione Riservata

Commenti