Orlando Russo, il sindaco di Castelmola
Orlando Russo, il sindaco di Castelmola

Ventiquattro sindaci della Zona ionica (con Taormina in testa) e delle Valli d’Agrò e del Nisi, hanno sottoscritto un documento nel quale convergono ufficialmente sulla candidatura del sindaco di Castelmola, Orlando Russo, nella imminente votazione del 16 novembre per la presidenza dell’Ato Idrico-Città Metropolitana di Messina. «I sindaci – si legge nella nota – alla luce delle risultanze emerse in occasione della mancata elezione del Consiglio dell’Area Metropolitana di Messina, considerato che un’ampia fascia di territorio e popolazione non è stata presa in considerazione, si impegnano a portare avanti una candidatura unitaria per l’elezione del presidente dell’Ato Idrico e a tal propositano indicano Orlando Russo quale loro candidato. Si precisa che tale candidatura nasce al di fuori di ogni logica partitica, esclusivamente nel rispetto del proprio territorio».

I sindaci coinvolti. Il documento è stato sottoscritto dai sindaci di Taormina, Giardini, Letojanni, Gallodoro, Mongiuffi Melia, Limina, Forza d’Agrò, Santa Teresa di Riva, Furci Siculo, Roccalumera, Ali Terme, Alì, Itala, Nizza di Sicilia, Mandanici, Francavilla, Moio Alcantara, Fiumedinisi, S.Alessio Siculo, Roccafiorita, Roccella Valdemone, Graniti, Scaletta. Dunque, da Scaletta a Roccella la quasi totalità degli amministratori si sono quindi schierati con Russo, ad eccezione dei tre Comuni di Gaggi, Pagliara e Malvagna. Per la presidenza dell’Ato Idrico potrebbe esserci, a questo punto, una corsa a tre ed oltre a Russo vengono dati in corsa anche Liborio Porracciolo (sindaco di Mistretta) e Nunzio Marinaro (sindaco di Motta d’Affermo). «La mia è una battaglia per i territori e devo certamente ringraziare sin da questo momento tutti i colleghi sindaci che hanno deciso di sostenere in modo importante e largamente condiviso la mia candidatura in vista della imminente votazione del 16 novembre», ha dichiarato Russo, che potrebbe dunque trovarsi in pole position in una contesa che comunque richiederà a tutti i 108 Comuni della Provincia di Messina di esprimere la loro posizione. Si preannuncia, pertanto, una sfida all’ultimo voto per eleggere il presidente dell’Ato Idrico.

© Riproduzione Riservata

Commenti