Una fase della partita di coppa Italia tra Acireale - Sporting Taormina
Una fase della partita di coppa Italia tra Acireale - Sporting Taormina

Ancora un risultato negativo per lo Sporting Taormina calcio. La squadra allenata da Marco Coppa, dopo la pesante sconfitta (4-0) di 10 giorni contro il Rosolini e dopo il pareggio (1-1) di domenica scorsa contro il fanalino di coda Torregrotta, perde (2-1) anche la gara d’andata dei quarti di finale di Coppa Italia contro l’Acireale. Ai biancazzurri, nell’incontro giocato ieri sera alle 20.30 al “Tupparello”, non basta il gol di Enzo Battaglia per portare a casa almeno un pareggio con gol che nel match di ritorno poteva ritornare molto utile.

Necessario invertire la rotta. Lo stop contro i granata ovviamente non è proprio una sorpresa, considerando anche che l’Acireale è una formazione blasonata che si trova al secondo posto in classifica nel campionato di Eccellenza e che al “Tupparello” fa valere spesso il fattore campo. Ma adesso è necessario invertire la rotta per dimostrare a tutti che lo Sporting è ancora vivo. Bisogna scacciare la crisi e per farlo è necessario conquistare almeno 7 punti nelle prossime 3 partite di campionato contro Biancavilla, Viagrande e Palazzolo. Se i punti nei prossimi 270’ fossero 9, sarebbe molto meglio. Da sottolineare che ieri sera il giudice sportivo ha squalificato per una gara di campionato il centrocampista Francesco Calcagno (non espulso dal campo) «per grave condotta scorretta nei confronti di sostenitori avversari, a fine gara». Questa la formazione iniziale dello Sporting Taormina in occasione della partita contro l’Acireale: Cirnigliaro, Abate, Urso, Puglia, Filistad, Trovato, Emanuele, Mannino, Famà, Calcagno, Gallo.

© Riproduzione Riservata

Commenti