Giardini Naxos. Stagione balneare 2016, 20 persone recuperate in mare dalla Guardia Costiera

Si è conclusa lo scorso 31 ottobre, come previsto dal provvedimento della Regione Siciliana, la stagione balneare 2016 iniziata il 1° aprile. I militari dell’Ufficio Locale Marittimo di Giardini Naxos, sovrintesi dal Comandante Cosimo Arizzi, hanno operato durante l’intera stagione, secondo le direttive della Capitaneria di Porto di Messina, a tutela dell’incolumità dei bagnanti, a difesa dell’ambiente marino ed a garanzia della sicurezza di quanti hanno fruito del mare nel periodo estivo trascorso.

Numeri. Questi i dati che hanno caratterizzato l’impegno della Guardia Costiera nella stagione turistica appena conclusa: 1005 controlli effettuati; 321 unità da diporto ispezionate; 2 unità da diporto soccorse; 20 persone soccorse/recuperate; 192 verbali amministrativi elevati, per un ammontare di circa 38000 euro; 12 le notizie di reato inoltrate alla competente Autorità Giudiziaria. Nel corso dell’attività numerosi sono stati i verbali alle unità da diporto sorprese a navigare o sostare nelle zone normalmente destinate alla balneazione, ispezionate anche quelle unità utilizzate per escursioni turistiche che, giornalmente, consentono ai numerosi turisti di apprezzare le bellezza della costa. In alcuni casi i conduttori sono stati sanzionati in quanto trasportavano un numero di passeggeri maggiore a quello consentito dal certificato di sicurezza. Particolare attenzione è stata data al contrasto all’abusivismo commerciale, le verifiche effettuate hanno consentito di individuare e sanzionare 6 soggetti che effettuavano l’attività di noleggio abusivo e per mancanza di comunicazione inizio attività di noleggio/locazione nel circondario marittimo di Messina.

Sicurezza in mare. Per quanto riguarda gli incidenti in mare, si è registrato il decesso di un uomo sulla spiaggia libera di Giardini Naxos ed avvenuto a seguito di un malore. In generale si evidenzia che il dispositivo di sorveglianza predisposto ha adeguatamente svolto il proprio compito ed i limitati episodi negativi verificatisi, che si sono verificati perlopiù per imprudenza dei bagnanti, sono stati risolti, in molti casi, con gli interventi degli assistenti bagnanti puntuali e tempestivi a dimostrazione della professionalità acquista. Appare opportuno sottolineare l’importate contributo prestato dalla Guardia Costiera Volontaria di Taormina e la Guardia Costiera Ausiliaria di Giardini Naxos che hanno contribuito al monitoraggio dei litorali. Da evidenziare inoltre la collaborazione fornita dalle altre Forze di Polizia ed altri Enti dello Stato presenti sul territorio con cui sono state compiute operazioni di controllo e verifica sul demanio marittimo.

© Riproduzione Riservata

Commenti