“Ambulanze ferme e spreco di denaro”. È questa l’espressione con la quale il gruppo consiliare “ProgettiAmo Taormina” solleva una problematica inerente le ambulanze in attività nella Perla dello Ionio e che si occupano, dunque, delle varie situazioni di emergenze ed interventi di pazienti da portare in ospedale. «Inefficienza? Spreco? Insensatezza? – si domanda e scrive il gruppo “ProgettiAmo Taormina” -. Forse tutte e tre queste considerazioni sono appropriate per commentare quelle due ambulanze parcheggiate al San Vincenzo che da due anni,forse tre, non percorrono un metro che sia uno».

«Se ne stanno lì a far ragnatele, ruggine, loro e il personale assegnato. Tutti “parcheggiati” a perder tempo e denaro. E sì – prosegue la nota -, perché quelle due ambulanze – insensatamente ferme da quel che risulta a “ProgettiAmo Taormina” dovrebbero essere utilizzate per trasferimenti di pazienti, servizi da una struttura sanitaria all’altra. Servizi essenziali, ma tant’è. Si preferisce far capo a servizi di trasporto privato, lasciando che quelle sue ambulanze facciano ruggine e, soprattutto, sprecando denaro pubblico, sia per il personale addetto ai due mezzi inutilizzati sia per per le sue stesse ambulanze lasciate ad invecchiare in un parcheggio». «Inefficienza? Spreco? Insensatezza? – conclude il gruppo consiliare taorminese -. La difesa dell’ospedale San Vincenzo oltre ogni tentativo di dequalificazione, non può certamente far chiudere gli occhi dinanzi a simili situazioni. Tanta insensatezza ora da qualcuno dovrà pur essere spiegata».

© Riproduzione Riservata

Commenti