Giuseppe Sterrantino, presidente Comidi
Giuseppe Sterrantino, presidente Comidi

Il Comitato Insieme per i Nostri Diritti, presieduto da Giuseppe Sterrantino, ha presentato una richiesta di accesso agli atti, depositata in Comune, presso gli uffici di Palazzo dei Giurati, per avere chiarezza sulla situazione dell’edilizia scolastica a Taormina. L’iniziativa del Comidi riguarda nello specifico i locali della scuola di Santa Filomena a Trappitello.

La richiesta ufficiale. «Il Comitato – si legge nella nota – chiede agli Enti ed ai soggetti in indirizzo l’accesso agli atti ai senso della legge nazionale n.241 del 1990 e l’estrazione ed il rilascio di copia di documenti in merito all’Istituto Scolastico Comprensivo 1 di Trappitello, sito in via Santa Filomena, plesso che ospita la scuola dell’infanzia e 4 prime classi elementari. Chiediamo: certificato di agibilità, certificazione antisismica, certificato di collaudo statico, Psc-Piano di Sicurezza e Coordinamento, Certificato di Prevenzioni Incendi dei Vigili del Fuoco o dichiarazione di non assoggettabilità, certificazione energetica». «Si chiede, inoltre – continua il documento -, se esistano e, in caso di risposta positiva, dove sono ubicati, i cosiddetti spazi di relazione (palestra, laboratori). Si precisa, infine, che la presente richiesta chiede ai responsabili il relativo riscontro e l’indicazione del nominativo del Responsabile del relativo procedimento, entro il 30esimo giorno dal ricevimento della presente comunicazione».

Focus sui plessi scolastici. La comunicazione è stata trasmessa al sindaco di Taormina, all’assessore ai Lavori pubblici, all’assessore alla Pubblica Istruzione, al dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo 1 e, per conoscenza, al Prefetto di Messina. Le scuole della Perla dello Ionio rimangono, insomma, sotto la “lente di ingradimento” e al centro di un clima arroventato, dopo le recenti polemiche che hanno riguardato le difficoltà da parte del Comune ad intercettare dei finanziamenti in riferimento alle disponibilità che provengono dai vari bandi nazionali. Pesanti critiche ai vertici della casa municipale sono arrivate, a tal riguardo, dalle forze politiche di opposizione. Le polemiche stanno proseguendo, in particolare, sulla scuola media “Ugo Foscolo”, dove si attende che arrivi il placet del Genio Civile per le attese opere di messa a norma del plesso che dal 2004 ormai ospita oltre agli studenti anche quelli delle elementari (la “Vittorino da Feltre” è notoriamente inagibile) Ora il Comidi vuole chiarezza sulla scuola di Santa Filomena a Trappitello e toccherà all’Amministrazione dare i richiesti chiarimenti con la relativa produzione degli atti.

© Riproduzione Riservata

Commenti