Pinuccio Composto, capogruppo di ProgettiAmo Taormina
Pinuccio Composto, capogruppo di ProgettiAmo Taormina

«Questa Amministrazione comunale non riesce a produrre nulla di buono. C’è il serio rischio che la scuola “Ugo Foscolo” non venga aperta nel prossimo anno scolastico perché gli impegni presi a suo tempo dall’Amministrazione comunale sul crono-programma dei lavori che occorrono sono stati disattesi». A lanciare il clamoroso monito è il capogruppo di “ProgettiAmo Taormina”, Pinuccio Composto, che recapita nuove bordate all’indirizzo della casa municipale ed evidenzia, in particolare, forte preoccupazione sulla situazione della scuola “Ugo Foscolo”, sede degli studenti della media ma dal 2004 anche delle elementari, dove si continua ad attendere l’avvio dei lavori di consolidamento e messa a norma del plesso.

Rischi concreti. L’iter è ancora bloccato al Genio Civile e aspettando il definitivo nulla osta agli incartamenti, Composto sottolinea il duplice rischio sia «per quanto riguarda la possibile perdita del finanziamento, sia di conseguenza per l’agibilità della scuola stessa». «In assenza di quei lavori – spiega Composto – il serio rischio da scongiurare è che quella scuola il prossimo anno venga chiusa perchè non a norma con le vigenti normative, in primis per quanto attiene la normativa sismica. Sulle scuole il modello virtuoso a cui guardare è Castelmola, lo ribadiamo questo nostro pensiero: a Castelmola con 10 bambini iscritti si intercettano milioni di euro per migliorare le condizioni dell’edilizia scolastica, qui a Taormina con centinaia di iscritti non si prende parte a nessun bando e vengono anzi persi i fondi già ottenuti dal Comune nelle precedenti legislature».

Rassicurazioni inconsistenti. «L’assessore Carella continua a rassicurarci ma è l’emblema dell’inconsistenza di una Giunta e di una maggioranza che non dà nessun inupt alla macchina amministrativa. Si va avanti alla giornata e non si programma. Questa Amministrazione è lì al proprio posto soltanto per percepire l’indennità ed occupare un ruolo». «Noi – continua Composto – speriamo sempre nel G7, il resto è un fallimento e già sotto gli occhi di tutti. La Giunta ha perso ogni opportunità, il bilancio viene utilizzato per piccoli interventi pubblici senza attingere alle opportunità di finaziamenti come fanno altri. Intanto aumentano le tasse e a farne le spese sono i cittadini. La Giunta non partecipa a nessun bando, come quello dello Infrastrutture che scadeva il 30 settembre 2015: il Comune infatti non ha partecipato e vogliamo ancora sapere per quale motivo. I vari bandi regionali, nazionali e comunitari hanno assegnato fondi a tutti i Comuni siciliani e della nostra zona: tutti tranne che Taormina, che non ha partecipato. Ben vengano quei progetti cantierabili di cui parla l’assessore Carella, se verranno finanziati, ma sinora non abbiamo visto nulla. Ad oggi – conclude Composto – vediamo soltanto strade dissestate e una complessiva lentezza nelle procedure che non può portare a niente di buono».

© Riproduzione Riservata

Commenti