Salvatore Lo Turco
Salvatore Lo Turco

Si è spento nelle scorse ore in Romania all’età di 63 anni Salvatore Lo Turco, storico dipendente del Comune di Taormina. Con la sua scomparsa se ne va un piccolo pezzo di “anima taorminese” di Palazzo dei Giurati, dove ormai non solo molti i dipendenti originari della Perla rimasti in servizio.

Punto di riferimento. Salvatore, nonostante i problemi di salute che sin dalla giovane età lo hanno privato della vista, è riuscito a superare i suoi limiti e ad essere un punto di riferimento al municipio di Taormina. Ha messo quotidianamente a disposizione di amministratori, colleghi e cittadini la sua dedizione al lavoro e quella professionalità che lo ha sempre contraddistinto. Svolgeva il suo compito di centralinista in modo scrupoloso e riusciva a districarsi con abilità tra i vari interni e numeri da chiamare. Uomo generoso e sempre rispettoso degli altri, Lo Turco si è fatto stimare e voler bene da chiunque lo conosceva.

Pezzo di storia. Quando si arrivava al Comune o si andava via si era soliti salutarlo con la dovuta cordialità ma anche con quella punta di tacito disagio nel temere di non esser riconosciuti e invece Salvatore aveva una gran memoria ed era sempre puntuale nel riconoscere le voci di chi interloquiva con lui. Gli bastava poco per far sentire la sua cordialità e talvolta anche la sua ironia. Salvatore se n’è andato mentre era in Romania, si trovava lì con una persona che si era presa di cura di lui negli ultimi anni. I funerali e la tumulazione avranno luogo a Taormina e saranno comunicati con successivo avviso funebre. Adesso Salvatore è già lassù dove lo aspetta l’amata mamma.

© Riproduzione Riservata

Commenti