Taormina, fermata autobus in via San Pancrazio
Taormina, fermata autobus in via San Pancrazio

Scaduta l’ordinanza anti-bus, la fermata dei pullman torna in via San Pancrazio. Da questi primi giorni di ottobre le linee di autotrasporti pubbliche e private sono infatti nuovamente operative nella zona antistante il piazzale di via San Pancrazio, laddove si erano trovate quotidianamente sino allo scorso giugno prima che il Comune di Taormina decidesse di spostare la fermata dei bus in via Pirandello.

Futuro incerto. Gli effetti dell’ordinanza si sono conclusi a fine settembre e così, almeno per il momento, i bus sono rientrati nel punto dove in precedenza erano autorizzati. Si tratta di una problematica che interessa l’Azienda Servizi Municipalizzati, ma anche Interbus, Maicor Srl e Sat Group. Adesso bisognerà vedere quali saranno gli intendimenti della casa municipale e se verrà predisposta una nuova ordinanza atta a confermare il provvedimento posto in essere per tutto il periodo estivo oppure se, almeno nella bassa stagione, i bus potranno continuare a sostare in via San Pancrazio. La questione ha scatenato aspre polemiche e, come si ricorderà, soprattutto le società private hanno aspramente contestato la volontà dell’Amministrazione di dirottare la fermata in via Pirandello. Per altro, se da un lato si è assottigliato il traffico in alcuni momenti in via San Pancrazio, dall’altro lato si sono poi verificate frequenti code veicolari in via Pirandello, in prossimità del punto destinato alla fermata dei vari mezzi.

Obiettivo ztl. Si tratta, insomma, di una vicenda che farà ancora discutere in ogni caso e sulla quale la casa municipale sarà chiamata a breve a fare delle valutazioni, intanto, per l’immediato e poi per delineare la strategia in via definitiva. La situazione viene seguita con particolare interesse anche dagli operatori economici e quindi i commercianti di via San Pancrazio, che vorrebbero l’attivazione di una zona a traffico limitato e hanno chiesto, a più riprese al Comune di adottare delle soluzioni in grado di evitare delle fasi di caoticità in prossimità del salotto cittadino. Senza però dimenticare che analoga condizione di maggiore quiete, anzi di pedonalizzazione, sarebbe opportuna in via Pirandello, da più parti ritenuta la naturale prosecuzione del Corso Umberto.

© Riproduzione Riservata

Commenti