Piero Benigni, consigliere comunale del Partito Democratico
Piero Benigni, consigliere comunale del Partito Democratico

Duro attacco del capogruppo Pd, Piero Benigni, all’Amministrazione comunale nel corso della seduta di Consiglio comunale di martedì sera a Palazzo dei Giurati e a conclusione dell’ennesimo dibattito in aula su Asm. «Il sindaco non ha più nessuno accanto a lui – ha detto Benigni. Sono rimasti soltanto i “soliti due”, il consigliere Brocato e il consigliere Leonardi che in questo momento è confuso e non sa quali banchi occupare. Questo è un elemento di valutazione serio. Se i futuri problemi si intende affrontarli cosi, è chiaro che questa maggioranza è inadatta a svolgere il ruolo amministrativo della città. Devono fare mea culpa su quanto sta accadendo».

Incapacità politica. Le idee chiare le ha soltanto l’assessore Carella, che ci ha dato lettura del libro delle fiabe. Probabilmente è il nuovo programma elettorale del sindaco Giardina. Non verrà fatta neppure una sola cosa di quelle che Carella ha elencato: perché è un’Amministrazione di incapaci che non sanno nemmeno dove andare a ricercare i fondi di cui è stato relazionato. L’assessore Carella, delegato dal sindaco, ha parlato di milioni e cifre enormi: ha citato 18 milioni di progetti cantierabili, eppure in città non si vede nulla. L’assessore alla Viabilità, Cilona, che ha parlato la settimana scorsa di cocktail di saliva non è neppure capace di spendere 10 mila euro per fare strisce pedonali. Tutti quei fondi dove vogliono andare a ricercarli? Non hanno neppure riferimenti con la Giunta regionale. E poi ci si lamenta che questa è terra di conquista. «L’opposizione – conclude Benigni – ha mostrato senso di responsabilità verso Asm al cospetto di una maggioranza incapace di scegliere su cosa fare per la città di Taormina. Speriamo arrivi prima possibile il 2018 per dire basta a questa negativa esperienza amministrativa».

© Riproduzione Riservata

Commenti