«I pali presenti sul territorio di Taormina che non sono più utili per la rete elettrica e l’illuminazione pubblica del Comune entro un mese saranno rimossi». Così in una nota Enel rassicura i cittadini e replica al vicepresidente del Consiglio comunale, Vittorio Sabato, che nei giorni scorsi aveva pubblicamente evidenziato in aula consiliare i pericoli derivanti dalle condizioni di alcuni pali dislocati in paese ed in particolare a Trappitello.

La nota. Enel precisa che quei pali «non sono stati finora rimossi perché su di essi il Comune aveva collocato gli impianti di illuminazione pubblica» e sottolinea la volontà di impegnarsi in tempi brevi a risolvere il problema nell’ambito dell’attenzione rivolta alla sostenibilità ambientale delle proprie attività e degli impianti. «In riferimento alla presenza di alcuni vecchi pali nel territorio comunale, segnalata dal vicepresidente del Consiglio Comunale di Taormina, Vittorio Sabato – si legge nella comunicazione di Enel -, E-distribuzione, l’azienda del gruppo Enel che gestisce in Italia la rete elettrica di distribuzione a Media e a Bassa Tensione, ritiene opportuno rassicurare i cittadini e confermare che, nell’ambito dei consolidati rapporti di collaborazione con l’Amministrazione Comunale, presto il problema verrà risolto. Infatti, attenta alla sostenibilità ambientale delle proprie attività e dei propri impianti, E-distribuzione sta già pianificando la rimozione dei vecchi pali, da anni non più utilizzati dall’azienda, ma che, finora, non era stato possibile rimuovere perché su tali sostegni erano presenti anche gli impianti di illuminazione pubblica del Comune, gestiti dalla Asm Taormina. Pertanto – conclude Enel -, a meno di imprevisti, entro un mese i tecnici dell’azienda provvederanno alla rimozione dei pali non più necessari sia per la rete di distribuzione dell’energia elettrica che per gli impianti di illuminazione pubblica».

© Riproduzione Riservata

Commenti