Stazione Ferroviaria di Taormina
Stazione Ferroviaria di Taormina

La zona antistante la Stazione Ferroviaria di Taormina tra degrado, incuria e abbandono. A lamentare le condizioni dell’area sono diversi residenti ed in particolare anche i tassisti della locale associazione taorminese che operano quotidianamente in prossimità della Stazione Fs. «E’ veramente triste e inaccettabile constatare la situazione in cui versa Villagonia e nella fattispecie la zona della stazione di Taormina – spiega Nunzio Sangregorio, storico esponente della categoria ed ex presidente dell’Associazione Tassisti di Taormina -. Noi, come’è noto, siamo li ogni giorno per lavorare, nello spazio antistante la stazione e viviamo e vediamo in prima persona i disagi della frazione. Quella zona, quando si fa sera, resta completamente priva di illuminazione, rimane in pratica al buio. Andrebbe quindi effettuato in primis un intervento finalizzato a potenziare l’impianto di illuminazione. Anche nelle ore diurne bisognerebbe comunque accogliere in modo migliore le persone che si trovano a Villagonia, in termini di arredo urbano».

Abbandono della politica. Sangregorio in più circostanze, negli anni passati, si era anche impegnato per una eventuale collaborazione tra i tassisti e le Ferrovie dello Stato, che dispongono dei locali della Stazione ed ai quali era stato chiesto uno spazio in affitto per avviare un apposito sportello turistico-informativo. Non si è però raggiunto allora un accordo economico e le pretese, ritenute eccessive dai tassisti, hanno portato ad un niente di fatto. I tassisti, in sostanza, si erano resi disponibili a dare un servizio aggiuntivo all’utenza che si trova alla stazione. Ma il problema principale rimane lo scarso interesse della politica per la frazione di Villagonia, che potrebbe essere un gioiello della città e che rimane, invece, confinata a punto di arrivi e partenza, attorno alla cui stazione si nota un vecchio albergo diroccato, un costone roccioso che in più circostanze ha messo in apprensione i residenti e ci sono poi diversi altri fabbricati abbandonati. Un vero peccato, una situazione indecorosa il cui simbolo è d’altronde il sentiero di via Madonna delle Grazie, che per tanti anni è stato il punto di collegamento pedonale tra il centro storico di Taormina e Villagonia. Una mulattiera chiusa per motivi di sicurezza e di cui oggi rimangono soltanto un cumulo di massi, lungo un percorso per gran parte “inghiottito” dall’edilizia privata e da dissesto idrogeologico, nel disinteresse delle varie Amministrazioni di turno.

© Riproduzione Riservata

Commenti