Eligio Giardina Sindaco di Taormina
Eligio Giardina Sindaco di Taormina

Si continua a discutere sul futuro dell’ospedale San Vincenzo e sul relativo pericolo di depotenziamento della struttura di contrada Sirina e sulla vicenda si registra in queste ore una presa di posizione del sindaco di Taormina, Eligio Giardina, che lancia anche una proposta sulla riclassificazione del nosocomio, che rischierebbe di essere declassato a «presidio di base».

L’idea Spoke. «Faremo tutto il possibile – dichiara Giardina – per evitare i tagli ai reparti del “San Vincenzo” e concordo anch’io sulla necessità di mobilitarsi ma è altrettanto importante evitare gli eccessi, bisogna concentrarsi sulle iniziative nelle sedi istituzionali opportune. La mia proposta è che l’ospedale di Taormina venga classificato come “Spoke”, tipologia di presidio che gravita intorno alle grandi aree ospedaliere metropolitane seguendo il paziente nell’emergenza e ne “gestisce” le condizioni cliniche sino a stabilizzarle. E’ importante tranquillizzare tutti – continua Giardina – sul fatto che al momento non c’è nulla di deciso. Taormina ha dei numeri importanti, un altissimo indice di produttività e si difende da solo sulla base di una produttività che può far invidia ad altri presidi ospedalieri dell’isola e del Sud».

Difesa ad oltranza. «Non bisogna far passare come una battaglia di campanilismo una realtà che accoglie ormai un’utenza proveniente da altre province e da altre regioni rappresentando un’eccellenza extraterritoriale nella sanità del Meridione. Taormina, pur trovandosi nel mezzo tra le strutture ospedaliere di Messina e di Catania, ha un bacino d’utenza assolutamente ampio. Faremo tutto il possibile per difendere il nostro ospedale – conclude Giardina – ma ritengo altrettanto essenziale che la mobilitazione avvenga senza eccessi mediatici e personalismi di alcun genere».

© Riproduzione Riservata

Commenti