Il consigliere comunale Eugenio Raneri
Il consigliere comunale Eugenio Raneri

«Sul Taormina Film Fest è arrivato il momento di fare chiarezza e ristabilire l’inconfutabile verità dei fatti. Non consento che si dicano inesattezze, quindi va chiarito subito e una volta per tutte come stanno le cose, in particolare sulla questione del “festival autofinanziato”. Va puntualizzata la situazione del bando che sta per essere indetto ed urgono aggiornamenti su cosa si sta facendo in merito alla Fondazione Taormina Arte». Il monito arriva dal consigliere di opposizione Eugenio Raneri che ha presentato una interrogazione da discutere in Consiglio comunale nella quale si accendono i riflettori sulle cinque edizioni (2012-2016) della rassegna cinematografica gestite da “Agnus Dei” di Tiziana Rocca, il cui contratto è adesso scaduto.

La nota. «A seguito di notizie riportate da organi di stampa e più in generale dalla rete – si legge nell’interrogazione di Raneri – si apprende che il Comitato Taormina Arte si appresta a predisporre un bando ad evidenza pubblica per la gestione del Taormina Film Festival. Sull’argomento vengono, inoltre, riportate dichiarazioni del sindaco di Messina, sia nel ruolo di sindaco metropolitano che della Città di Messina, nonché del sindaco di Taormina nella qualità di presidente del Comitato TaoArte e della general manager. Preliminarmente, si evidenzia che il Comitato Taormina Arte nel 2012 stipulando una Convenzione ha affidato alla Associazione Agnus Dei l’organizzazione del Taormina Film Festival, per gli anni 2012-2013-2014. La convenzione è stata rinnovata nel 2014 per il periodo 2015 – 2016. nell’attesa di individuare il soggetto organizzatore. Con un “addendum” alla Convenzione del 2014 e dall’edizione 2015, il Comitato TaoArte, delegava all’Associazione Agnus Dei: i rapporti con il Ministero dei Beni Culturali, gli incassi dalla vendita dei biglietti, e gli incassi degli accrediti professionali».

Copertura pubblica e privata. «È incontestabile – continua Raneri nell’interrogazione – che l’Associazione Agnus Dei per quanto sopra esposto ha ricevuto copertura finanziaria sia pubblica che privata (sponsor). È incontestabile, altresì, che dal sito ufficiale Taormina Film Fest vengono riportati i loghi di: Regione Sicilia (Assessorati Turismo, Spettacolo e Beni Culturali), Ministero Turismo e Spettacolo, Siciliafilm e Sensi; sono, invece, spariti i loghi della Provincia Regionale di Messina e dei Comuni di Messina e Taormina, con la notazione che la Provincia Regionale di Messina ed il Comune di Taormina sono riportati tra i partner / istituzioni. L’Associazione Agnus Dei – prosegue il consigliere – per la gestione del Taormina FilmFest si ritiene che riceva copertura finanziaria sia di parte pubblica che privata ed è soggetta conseguentemente agli obblighi di rendicontazione, pubblicità, trasparenza, etc., prevista dalla normativa vigente in materia».

Richieste. «Con il presente atto si interroga il sindaco per sapere e fare chiarezza su quanto segue: 1) Se l’Associazione Agnus Dei per la gestione del Taormina Film Fest, per le evidenziazioni di cui sopra, ha comunicato, trasmesso o depositato al Comitato Taormina Arte la rendicontazione di gestione relativa agli anni 2012 al 2016 ed in caso positivo: Conoscere i contributi ricevuti per anno sia da parte pubblica (Ministero, Regione, etc.) che da parte privata (sponsor, vendita biglietti, accrediti professionali, etc.), in caso negativo conoscere le motivazioni della mancata osservanza dei principi di trasparenza e pubblicità; conoscere dai partner riportati nel sito ufficiale del Taormina Film Fest (sponsor, sponsor tecnici, media partner, istituzioni, patrocini, hotel, etc.) se l’Associazione Agnus Dei, per gli anni di riferimento ha ricevuto finanziamenti di carattere privato ed in caso affermativo la misura dei corrispettivi, della tipologia di servizi o altre forme riconducibili a sussidi; conoscere i costi di staff, viaggi, transfer, ospitalità, rappresentanza, etc.; conoscere il ruolo di “Siciliafilm” e “Sensi”, riportati nei loghi del sito Ufficiale di Taormina Film Fest; conoscere, inoltre, modalità, criteri e quant’altro previsto dal redigendo bando pubblico per la gestione del Taormina Film Fest e se il bando è limitato alla gestione del Film Fest o riguarda pure la gestione degli altri settori di TaoArte (musica e teatro)».

Sollecitazione. «Infine – conclude Raneri -, a seguito dell’Atto adottato dal Commissario ad acta, nominato dall’Assessore Regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, relativo alla trasformazione del Comitato TaoArte in Fondazione, (delibera n.1 del 4 marzo 2016), si chiede di conoscere eventuali iniziative ad oggi intraprese dai componenti il Comitato, dal Commissario ad acta o da parte di altri Organi regionali sull’argomento». Raneri adesso sollecita una «risposta urgente in Consiglio Comunale su quanto evidenziato e sui quesiti formulati», con particolare riferimento ad una rendicontazione delle attività svolte nel periodo 2012-2016 da “Agnus Dei” nell’ambito del Taormina Film Festival. L’argomento potrebbe essere affrontato già nella prossima seduta di Civico consesso, in programma martedì 27 settembre.

© Riproduzione Riservata

Commenti