Strada allagata in prossimità degli spazi di sosta nella stazione ferroviaria di Villagonia
Strada allagata in prossimità degli spazi di sosta nella stazione ferroviaria di Villagonia

Tornano le piogge e puntualmente si ripropongono i soliti disagi a Taormina, con diverse zone della città dove il sistema di smaltimento delle acque piovane va in tilt e si creano delle vere e proprie piscine. E’ quanto si è verificato ieri mattina in concomitanza con un temporale improvvisamente scatenatosi nella Perla dello Ionio intorno a mezzogiorno. In particolare le frazioni si sono trovate in difficoltà con la carreggiata stradale invasa d’acqua e lo stesso scenario, ad esempio, si è verificato nella stazione ferroviaria di Villagonia (come ben documentato dalle immagini del taorminese Andrea Pagano), in prossimità degli spazi a sosta per i taxi e dove si trova anche la fermata per i mezzi pubblici.

Strade invase dall’acqua. I tombini sono subito saltati e immediatamente gli accumuli d’acqua sul manto stradale hanno complicato la vita ai passanti, sia ai residenti che ai turisti ancora presenti in gran numero in città. Si tratta di un problema che certamente andrebbe affrontato in maniera capillare, oltre gli interventi tampone, e che d’altronde andrà per forza di cose attenzionato se si pensa che Taormina nei prossimi mesi diventerà un cantiere da più parti in vista del G7 in programma in città il il 26 e 27 maggio del prossimo anno. Analogo problema, ad esempio, si verifica da tempo in via Garipoli, la bretella principale della viabilità di Taormina nord, che collega la zona litoranea e il casello di Spisone con il centro della località turistica. In questo caso il Consorzio Rete Fognante ha già evidenziato la necessità di andare a regimentare il flusso delle acque, separando quello delle acque piovane dalle acque nere, il cui incontro determina molto spesso seri disagi e allagamenti lungo il tracciato.

© Riproduzione Riservata

Commenti